pgeuCambio della guardia al vertice del Pharmaceutical Group of the European Union (PGEU). L’associazione internazionale – che conta ad oggi su 32 delegazioni nazionali e rappresenta più di 400.000 farmacisti e 170.000 farmacie in tutto il Vecchio Continente – ha annunciato infatti che il suo nuovo presidente, nel corso del 2019, sarà Michał Byliniak. Il dirigente, che proviene dalla NIA, l’associazione dei farmacisti della Polonia, ha ricevuto l’investitura da parte dell’Assemblea generale del PGEU, che si è tenuta a Marbella, in Spagna, il 20 giugno 2018. Docente universitario di Farmacia, Byliniak si è laureato presso l’università medica di Varsavia. Ad oggi, ricopre la carica di vice-presidente della NIA e vanta più di 15 anni di esperienza professionale nel mercato farmaceutico. Il dirigente, ha affermato l’associazione di categoria europea, ha maturato una «solida esperienza manageriale nei settori della distribuzione, della registrazione di prodotti medicinali e dei trials clinici». Ciò grazie «al lavoro effettuato all’interno delle farmacie, così come presso i grossisti della Polonia, in compagnie farmaceutiche e attraverso attività di consulenza». Inoltre, prosegue il PGEU, Byliniak è autore di numerosi studi inerenti il settore farmaceutico. «In vista del sessantesimo compleanno del gruppo – ha affermato il futuro presidente -, che verrà celebrato nel 2019, è tempo di riflettere sugli avanzamenti della professione di farmacista che sono stati effettuati nel corso di questi sei decenni e guardare al futuro con l’obiettivo di comprendere in che modo la categoria possa rafforzare e sostenere la resilienza dei sistemi sanitari in Europa. È per questa ragione che, nel celebrare tale traguardo della farmacia continentale, lanceremo il PGEU Pharmacy 2030 Vision Paper all’inizio del prossimo anno. Esso ci consentirà di delineare la strada per la professione di qui a tale data e oltre». Il PGEU ha anche eletto il suo vice-presidente per il 2019: si tratta del greco Thanasis Papathanassis, membro della Panhellenic Pharmaceutical Association.

© Riproduzione riservata