«I risultati del primo trimestre hanno superato le aspettative e continuiamo ad avanzare sulle nostre priorità strategiche. Come annunciato, abbiamo compiuto un passo avanti decisivo nella nostra trasformazione, disinvestendo dal business della distribuzione farmaceutica con l’intenzione di utilizzare i proventi per accelerare i nostri investimenti in ambito sanitario». Sono le parole di Stefano Pessina, Executive Vice Chairman e Ceo di Walgreens Boots Alliance, a margine della presentazione dei risultati finanziari riferiti al primo trimestre fiscale 2021, resi noti dalla multinazionale operante in oltre 25 Paesi e con più di 450mila dipendenti.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Pessina: «Contesto economico complesso»

«Anche se il contesto economico rimane complesso – prosegue Pessina -, ci stiamo dimostrando all’altezza della situazione grazie ad agilità e disciplina, e siamo confidenti per quanto riguarda la guidance per l’utile per azione rettificato nell’anno fiscale. Il nostro ruolo nel sistema sanitario non è mai stato così importante, le comunità che serviamo continuano a rivolgersi a noi, ponendo fiducia nei nostri brand e nell’esperienza dei nostri farmacisti. Sono molto orgoglioso dei nostri collaboratori e del ruolo storico e decisivo che stanno svolgendo per aiutare il mondo a uscire dalla pandemia, con la somministrazione delle vaccinazioni Covid-19 agli operatori sanitari in prima linea e alle persone più a rischio».

I risultati del primo trimestre

Dando uno sguardo ai risultati del primo trimestre, anno su anno, Wba ha fatto sapere che «le vendite sono cresciute del 5,7% a $36,3 miliardi, in aumento del 5,2% a tassi di cambio costanti», «la perdita per azione è stata di $0,36, rispetto a un utile per azione di $0,95 nello stesso trimestre dell’anno precedente, compreso un onere di $1,73 per azione dagli utili della partecipazione valutata a patrimonio netto in AmerisourceBergen». In aggiunta a ciò «l’utile per azione rettificato – ha reso noto Wba – è diminuito dell’11,2% a $1,22, in calo dell’11,6% a tassi di cambio costanti, riflettendo un impatto avverso del COVID-19 stimato tra $0,26 e $0,30 per azione». Infine, «il net cash da attività operative è stato di $1,2 miliardi, un aumento pari a $134 milioni; il free cash flow è stato di $763 milioni, un aumento pari a $90 milioni (+13%)».

Le operazioni strategiche di Wba

Le operazioni strategiche, che lasciano comprendere la direzione verso cui il gigante Wba si orienterà nel prossimo futuro, riguardano «il disinvestimento dal business della distribuzione farmaceutica, la società realizza una trasformazione del proprio portafoglio di offerta». Inoltre, Wba «accelera l’investimento in VillageMD e incrementa l’implementazione su larga scala delle cliniche mediche full-service presso i propri punti vendita». Operazione, quest’ultima, anticipata nel corso del 2020, anno in cui Wba aveva illustrato i dettagli della partnership strategica con Microsoft e Adobe per la realizzazione di un’esperienza di acquisto in ambito salute personalizzata e omni-channel.

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.