verifica-messa-a-terra-impianto-elettrico-farmaciaOgni due anni la farmacia è tenuta ad effettuare la verifica periodica degli impianti elettrici di messa a terra. Mi chiedo però se per questo adempimento, invece di utilizzare un organismo privato sostenendo costi non indifferenti, posso rivolgermi direttamente all’asl competente.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Comprendiamo naturalmente i disagi cui fa cenno il quesito ma, d’altronde  il sempre più fitto ricorso ad organismi privati per questi adempimenti dipende, come è intuibile, dalla cronica deficienza di personale delle strutture pubbliche: non è certo una giustificazione valida ma… così è.

Peraltro, anche se è (teoricamente) possibile chiedere la verifica direttamente al soggetto pubblico (anzi costui, come è ragionevole, è il primo soggetto deputato al controllo, svolgendo gli organismi privati solo una funzione sussidiaria dello stesso, come si evince chiaramente dal testo della norma: “per l’effettuazione della verifica, il datore di lavoro si rivolge all’ASL o all’ARPA od ad eventuali organismi individuati dal Ministero delle attività produttive…” – art. 6, comma 2 del D.P.R. 462/2001), dobbiamo anche considerare che se, a causa di disfunzioni organizzative sia pure imputabili esclusivamente alla parte pubblica, la verifica non viene effettuata, ne è sempre responsabile in prima persona il titolare della farmacia considerato che a norma dell’art. 6, comma 1, “il datore di lavoro è tenuto ad effettuare regolari manutenzioni dell’impianto nonché a far sottoporre lo stesso a verifica periodica ogni due anni”.

La disposizione, insomma, sembra chiara sull’indicazione del soggetto responsabile dell’avvenuta corretta esecuzione della verifica.

Quanto alle spese dell’intervento, facciamo presente che sempre l’art. 6 prevede espressamente al comma 4 che “le verifiche sono onerose e le spese per la loro effettuazione sono a carico del datore di lavoro” e ciò vale (temiamo) anche ove queste siano effettuate dal soggetto pubblico che provvederebbe quindi, nel caso, a riaddebitare i relativi costi, nulla e nessuno garantendo (temiamo ancora una volta) che essi siano effettivamente più contenuti di quelli di un organismo privato.

Concludendo, ci sembra che la cosa migliore sia, piaccia o non piaccia, quella di continuare a rivolgersi agli organismi privati magari – questo sì – confrontando prezzi e prestazioni di più strutture.

(tullio anastasi)

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.