farmaci con obbligo di prescrizione su eBayNon è passato neanche un mese dall’annuncio, da parte di Federfarma, del raggiungimento di un «un rilevante risultato in merito alle iniziative di contrasto nei confronti di farmacie e parafarmacie che utilizzano la piattaforma eBay per vendere online farmaci senza ricetta, in violazione della vigente normativa nazionale in materia», e già sullo stesso sito di possono trovare altri annunci di medicinali.

“Altri”, perché – come riferito ai propri lettori da FarmaciaVirtuale.it, in passato sono stati molteplici i casi. Addirittura, per parecchio tempo è stato pubblicato sul portale di aste e vendite online un annuncio che promuoveva una confezione di “Amoxicilline Trihydrate” con purezza dichiarata al 99,99%, al prezzo di 299 euro per 25 grammi. Ebbene, la nostra redazione continua lo sforzo di monitoraggio e stavolta ha trovato annunci di medicinali noti come le pasticche per la gola Benagol (proposte sia al gusto arancia che al gusto miele e limone), così come altri colliri classificato come Senza Obbligo di Prescrizione.

Federfarma aveva spiegato che «nel dicembre 2017, in seguito a segnalazioni provenienti dal territorio, avevamo avviato un’attività di denuncia presso l’AIFA». E aveva quindi annunciato che «la multinazionale americana ha deciso di rimuovere dal proprio sito tutte le attività di vendita illegali segnalate. Ma la notizia ancora più importate riguarda l’imminente adozione di un filtro che eliminerà in futuro ogni possibilità di rivendita di farmaci senza ricetta attraverso la loro piattaforma». Qualora tale sistema fosse già stato introdotto dai tecnici di eBay, ciò significherebbe che esso non è particolarmente efficace. In caso contrario, occorrerà attendere che esso sia implementato. Nel frattempo, alcuni annunci illegali continueranno però ad imperversare. Nonostante la normativa italiana preveda che gli unici siti che possono vendere medicinali Sop e Otc siano quelli delle farmacie e parafarmacie che abbiano ricevuto un’autorizzazione dal ministero della Salute. L’uso di marketplace è infatti vietato in ogni caso.

© Riproduzione riservata