Fornire ai clienti un ulteriore canale di acquisizione con la possibilità di effettuare ordini online è un’opzione che le farmacie dovrebbero valutare. A far luce su questo aspetto è un recente studio commissionato da BD Rowa™️, azienda produttrice di tecnologie leader di mercato nell’ambito dei magazzini automatici per farmacie, i cui risultati hanno evidenziato che i farmacisti dovrebbero considerare tale opportunità, sulla base delle esigenze manifestate dall’analisi di un campione di oltre 1.000 italiani di età compresa tra i 14 e 64 anni.

[Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica]

«La maggior parte degli intervistati – si legge nello studio – apprezza in particolare il servizio di consulenza, la relazione personale, la possibilità di acquistare farmaci rapidamente, la gamma di prodotti offerti e le competenze specialistiche della farmacia». Alla luce di tali evidenze, il 50% vorrebbe che «la farmacia offrisse la possibilità di effettuare ordini online», seguito dalla possibilità di «avere a disposizione terminali di pick-up per il ritiro di farmaci h24», con il 43% delle risposte. Segue poi la necessità di «una consulenza più riservata e personalizzata in farmacia», pari al 30%. Quanto all’esperienza in farmacia, lo studio rileva che «il 35% apprezzerebbe un’atmosfera d’acquisto più piacevole».

A commentare i risultati è Mauro Santapaola, sales leader southern Europe in BD Rowa™️, il quale sottolinea che «da un lato i clienti della farmacia vogliono avere la flessibilità di ordinare online e ritirare i loro prodotti 24 ore su 24, 7 giorni su 7». D’altro canto, gli stessi «vogliono anche fare acquisti in farmacia come avviene nel retail. Ciò che abbiamo osservato sempre più negli ultimi anni – evidenzia Santapaola – è il desiderio di un servizio di consulenza più personalizzato e riservato e, a tal proposito, abbiamo creato una soluzione di consulenza digitale per i farmacisti, il BD Rowa™️ Vmotion, uno strumento che non comporta importanti modifiche al layout della farmacia».

Secondo Santapaola «è in questi tempi che diventa chiaro che la farmacia territoriale svolga un ruolo fondamentale nella cura delle persone». Proprio in tale direzione procede l’impegno di BD Rowa™️ che risponde alle esigenze dei farmacisti mediante un sistema automatizzato dedicato agli utenti finali. Si tratta di «terminali di pick-up – spiega Santapaola – per il prelievo di farmaci 24/7 da parte dei clienti, soluzione che già utilizziamo nei Paesi Bassi e in Belgio. Il farmacista approva il farmaco o la prescrizione e invia al cliente un codice di prelievo che può utilizzare per ritirare i farmaci in farmacia o all’esterno di essa». In più, conclude Santapaola, «questa soluzione protegge inoltre il personale nei periodi di influenza o come nella situazione attuale di pandemia da Covid-19».

Lo scorso ottobre BD Rowa™️ aveva pubblicato i risultati di uno studio relativo all’impatto favorevole dell’automazione sulle vendite in farmacia. In tale occasione il colosso tedesco aveva preso in considerazione «l’analisi statistica con interviste qualitative e quantitative su un campione di 100 coppie di farmacie, con caratteristiche similari tra loro eccetto che per l’inserimento di un sistema di stoccaggio automatico».

© Riproduzione riservata