La sicurezza informatica è un tema spesso sottovalutato, nonostante i cyber-attacchi siano oggi tutt’altro che rari e non risparmino le farmacie, generando danni ai sistemi e molti disagi nella gestione dei servizi digitali. Il tema è stato oggetto del webinar “Difendersi dal ransomware”, organizzato da FarmaciaVirtuale.it per approfondire le principali questioni tecniche, gestionali e legali legate alla sicurezza informatica in farmacia. La registrazione dell’evento può essere integralmente visionata online. Come spiegato dalla testata, «il ransomware è un software malevolo capace di propagarsi in maniera autonoma. Una volta eseguito, può limitare l’accesso al dispositivo che infetta ma anche replicarsi nell’infrastruttura di rete locale e diffondersi. Dopo l’avvenuta installazione i cyber-criminali chiedono all’azienda un riscatto necessario per rendere nuovamente operativo il sistema contaminato. L’infezione può manifestarsi attraverso la criptazione dei dati al fine di renderli illeggibili. L’operatività della farmacia è legata all’uso intenso di sistemi informatici e la cura degli aspetti legati alla prevenzione e alla gestione della problematica sono di un’importanza cruciale».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Difendersi sul fronte tecnico e legale

Prevenire e difendersi dagli attacchi informatici comporta interventi e competenze sia di tipo tecnico sia di tipo legale. Questi atti sono infatti a tutti gli effetti cyber-crimini perseguibili a norma di legge, che generano poi altre questioni legali a carico dell’azienda, legate alla protezione dei dati personali eventualmente sottratti dai sistemi. Il webinar di FarmaciaVirtuale.it ha esaminato sia aspetti riguardanti la gestione tecnica dell’infrastruttura di rete delle farmacie sia quelli legali, grazie all’intervento di Daniele Barbato, ingegnere informatico di Svemu/Pharmagest Italia, ed Ernesto Belisario, legale dello Studio E-Lex ed esperto di privacy. L’evento è stato moderato da Alessandro Fornaro, farmacista e giornalista, che ha introdotto il webinar soffermandosi su come le questioni legate alla sicurezza informatica siano a volte sottovalutate dai farmacisti, impegnati in tanti altri ambiti della gestione del presidio sanitario.

Come colpiscono i cyber-criminali

Come ha voluto sottolineare nel webinar l’ingegner Barbato, gli attacchi informatici sfruttano ormai diverse modalità per infettare i sistemi, riuscendo a danneggiare anche le infrastrutture di aziende multinazionali di grandi dimensioni, che fanno della sicurezza informatica una priorità assoluta. «Siamo abituati a sentire notizie di cyber-attacchi a danno di grandi aziende, gruppi multinazionali e persino Enti pubblici, come accaduto a Regione Lazio. Si tratta di imprese e organizzazione che senza dubbio dedicano grande attenzione e risorse alla sicurezza informatica. Ciononostante sono ugualmente diventate vittime di attacchi hacker». Barbato passa quindi in rassegna i rischi più comuni per le farmacie, le modalità con cui i sistemi informatici di questi presidi potrebbero venire infettati e danneggiati e le strategie per prevenire e difendersi da questi eventi. Ernesto Belisario si è invece soffermato sul danno legale che un attacco informatico può generare non solo alla farmacia, ma anche ai suoi clienti e a coloro di cui la farmacia gestisce e archivia dati personali e riservati. «La minaccia di usare i dati riservati tratti dal sistema è uno dei principali ricatti a cui ricorrono le organizzazioni di cyber-criminali per convincere le vittimi dell’attacco informatico a pagare un riscatto. Trascurare la sicurezza informatica non danneggia solo i proprietari dei sistemi, ma anche tutta la loro rete di contatti. Questo ovviamente ha una serie di implicazioni legali, che i pirati informatici conoscono bene. Dietro a questi crimini ci sono infatti grandi organizzazioni, preparate e strutturate per attaccare ambiti che generano interessi e tra questi ci sono anche i dati sanitari», ha spiegato Belisario.

Per guardare il webinar aprire questo collegamento.

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.