«Le organizzazioni sindacali in indirizzo sono convocate presso la sede della Struttura (Roma, Via Barberini, 47) il giorno martedì, 21 gennaio 2020, dalle ore 14.30 alle ore 19.00, per le trattative di rinnovo dell’ACN per la disciplina dei rapporti con le farmacie pubbliche e private». È quanto si legge nella convocazione della Struttura interregionale sanitari convenzionati (Sisac), inviata il 23 dicembre 2019 alle organizzazioni sindacali delle farmacie pubbliche e private Federfarma e Assofarm. La convocazione fa seguito a quella del 16 dicembre e del 21 novembre 2019, in cui le sigle si erano riunite per fare il punto dei lavori. Ciò nonostante, allo stato attuale non si conoscono in forma pubblica i dettagli relativi ai documenti presentati dalle parti.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Lo scorso novembre in una lettera inviata dalla sigla “Farmacia Indipendente”, Alfredo Orlandi e Alfonso Misasi mettevano in evidenza alcune anomalie sulla bozza presentata per i lavori. «Ma davvero questa bozza è uscita così all’improvviso, lasciando tutti (consiglio di presidenza di Federfarma compreso) a bocca aperta?», si erano chiesti Orlandi e Misasi. «Eppure – prosegue la nota -, in assemblea, il dubbio di come un ipotetico spostamento di specialità farmaceutiche extra Pht in Dpc, se non in distribuzione diretta, avrebbe potuto alterare fortemente la “partorenda” remunerazione è emerso in più interventi: sarebbe bastato che si raccontasse come stavano andando le cose sul tavolo della convenzione per ottenere un deliberato più “stringente” e “sindacalmente” più attento».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.