Dopo Clickdoc, sistema per il teleconsulto a distanza, reso disponibile in forma gratuita da CompuGroup Medical (Cgm) a medici ed operatori sanitari, il colosso di Coblenza, presente nelle farmacie italiane con il software gestionale Wingesfar, lancia il servizio RicettaInFarmacia.it, attraverso cui ogni paziente potrà caricare mediante una comoda interfaccia web il Numero di ricetta elettronica (Nre) ottenuto dal proprio medico curante ed inviarlo in maniera automatica alla farmacia di fiducia. Una volta ricevuti i dati della spedizione, la farmacia preparerà i farmaci che dunque potranno essere ritirati dal paziente o – se presente un servizio locale – spediti al proprio domicilio.

[Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica]

L’idea è stata concepita nel periodo di massima diffusione del covid-19, per facilitare i processi logistici e limitare gli spostamenti dei pazienti sul territorio. Quali sono i vantaggi per i farmacisti? Secondo quanto si legge sul portale dedicato, il sistema consente «minori pericoli di contagio evitando il maneggio di cellulari e altri dispositivi potenzialmente infetti, maggiore velocità nella consegna dei farmaci prescritti, riduzione delle code al banco e ammassamenti di persone, possibilità di consegna a domicilio dei farmaci erogati (se la farmacia ha attivo questo servizio)». In aggiunta a ciò, le farmacie che sottoscriveranno il servizio potranno disporre di un «alert automatico che indica la presenza di nuovi Nre giunti dal servizio RicettaInFarmacia».

Non solo. Il sistema promette di assicurare vantaggi anche per i pazienti, tra cui «possibilità di evitare spostamenti inutili e pericolosi, riduzione dei tempi per accedere ai farmaci, facilità di accesso ai servizi sia di medici e farmacie, possibilità – se previsto dalla farmacia aderente – di ricevere i farmaci a domicilio, e per i medici. Più nel dettaglio «contribuire a offrire un servizio di utilità sociale, evitare il più possibile spostamenti di pazienti» e infine «elevare il più possibile il livello dei servizi erogati». È possibile reperire maggiori informazioni alla pagina informativa predisposta da Cgm aprendo questo collegamento.

© Riproduzione riservata