Clickdoc, sistema per il teleconsulto a distanza, che CompuGroup Medical (Cgm), rende disponibile in forma gratuita a medici ed operatori sanitari, compresi farmacisti, con la finalità di erogare consulti da remoto, ha ricevuto il patrocinio della Federazione degli ordini dei farmacisti italiani (Fofi). Ne dà notizia la stessa Fofi, la quale spiega che «appare evidente come una simile soluzione di teleconsulenza, consentendo di evitare il contatto fisico tra professionista sanitario e paziente, possa essere un importante strumento sia di riduzione della diffusione della pandemia sia di potenziale decongestionamento degli afflussi in farmacia, garantendo comunque il supporto alla popolazione attraverso una tecnologia software moderna e al passo con i tempi».

[Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica]

Come riportato da FarmaciaVirtuale.it ai propri lettori, per utilizzare Clickdoc di Cgm il farmacista ha bisogno di una connessione Internet, una webcam, un microfono ed altoparlanti. Per la parte software, di un browser web tra i più diffusi, tra cui Google Chrome, Mozilla Firefox Quantum, Opera o Safari. Il paziente, invece, può utilizzare la piattaforma anche da smartphone o dispositivi. Dopo la registrazione e l’ottenimento di nome utente e password, il farmacista può accedere alla piattaforma dedicata. Ad accesso effettuato, per erogare immediatamente con un teleconsulto, è necessario generare un codice univoco da inviare al paziente.

Il sistema è predisposto per l’invio automatico del codice al paziente via email o sms. In questo ultimo caso, è previsto l’accesso automatico nel teleconsulto attraverso un link diretto. Nella fase di invio del codice al destinatario è possibile fissare un appuntamento ad una data e ora prestabilita. Conclusa l’operazione di creazione del codice di accesso, questo viene inviato al paziente che a sua volta si collegherà alla piattaforma web. L’email riepilogativa inviata al destinatario contiene infatti tutte le informazioni per consentire l’accesso e l’eventuale promemoria con la data di appuntamento.

© Riproduzione riservata