La Direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari del ministero della Salute, ha inviato il 26 aprile 2019 una nota agli organi ed alle associazioni della filiera, avente oggetto «Chiarimento trasmissione delle informazioni al sistema informativo di tracciabilità dei medicinali veterinari e dei mangimi medicati», evidenziando che «sono pervenute segnalazioni riguardanti possibili difficoltà operative relative alle procedure previste per il corretto funzionamento del sistema». Per garantire il migliore supporto, il ministero informa che è intervenuto sul Centro servizi nazionale presso l’Istituto zooprofilattico sperimentale dell’Abruzzo e del Molise (Izsam), «al fine di potenziare le attività di assistenza», ribadendo la disponibilità delle disposizioni contenute nel manuale operativo, la cui attenta lettura dovrebbe risolvere parte dei problemi segnalati.

Nella stessa nota, il ministero ricorda la facoltà di utilizzo – nella fase di transizione al nuovo sistema – della ricetta veterinaria cartacea nei casi descritti nel manuale operativo. Nel dettaglio, evidenzia, che «laddove emergono delle difficoltà ad accedere al sistema da parte del farmacista nei casi indicati al punto 6.16 del manuale, il veterinario emette la ricetta elettronica (versione Pdf o Jpg), il farmacista annota il numero di ricetta e Pin, la data di dispensazione, le Aic dei farmaci dispensati e il numero delle confezioni dispensate ed i relativi numeri di lotto e scadenza e al ripristino della funzionalità del sistema registrerà la dispensazione del medicinale, indicando nel campo “data fornitura” la data nella quale i farmaci sono stati dispensati».

Infine, il ministero della Salute segnala che l’assistenza tecnica sul sistema informativo è attiva dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.00 alle 20.00 e il sabato dalle 8.00 alle 14.00, contattando il numero verde 800 08 22 80 (0861 332500 da telefono mobile), o la casella email farmaci@izs.it. In aggiunta, è disponibile anche l’indirizzo ricettaveterinaria@sanita.it, «per richiedere informazioni e chiarimenti in merito agli aspetti puramente normativi e attuativi del sistema di tracciabilità dei medicinali veterinari e dei mangimi dedicati». Lo scorso 19 aprile, la stessa Direzione generale aveva inviato alle rappresentanze della filiera, nonché agli assessorati alla sanità delle Regioni e Province Autonome e al Comando carabinieri per la tutela della salute, una nota con oggetto «Sostituzione di un medicinale veterinario prescritto mediante la ricetta veterinaria elettronica», contenente alcune specifiche in merito alla sostituibilità dei farmaci prescritti.

© Riproduzione riservata