fenagifar“Anche noi Giovani Farmacisti abbiamo appreso del Decreto del Ministero della Salute del 22 Dicembre u.s., pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 1 del 2 gennaio 2017, che limita l’utilizzo di alcune sostanze di uso comune nelle preparazioni galeniche.Comprendiamo pertanto il disappunto e condividiamo le opinioni espresse dal presidente Utifar, Dott. Eugenio Leopardi. Da sempre la Galenica, con le sue preparazioni, è attività preminente che contraddistingue la professione del farmacista. È giusta e doverosa, per la tutela della salute pubblica, la vigilanza sulle preparazioni galeniche; risulta però davvero paradossale il divieto di preparazione quando si tratta di principi attivi comuni facilmente reperibili sullo scaffale di un supermercato od in erboristeria, dove peraltro non c’è nessuna figura professionale a controllarne la distribuzione ed il consumo. Diversamente in farmacia il controllo restrittivo, come le Norme di Buona Preparazione, garantiranno sempre qualità e sicurezza del prodotto. Allora di cosa stiamo parlando? Stiamo traghettando la professione verso il futuro. Ma che futuro potrà essere, rinnegando il passato che da sempre ha costituito ossatura e certezze della nostra professione? Confidiamo che nei prossimi incontri che vedranno coinvolta la Federazione degli Ordini si arrivi alla risoluzione di queste contraddizioni e ad un sereno ravvedimento di alcune posizioni.” Queste le parole di Pia Policchio, presidente Fenagifar, in seguito del DM che prevede una forte limitazione nelle preparazioni galeniche dimagranti a base di sertralina e altri principi attivi.

© Riproduzione riservata