«È adottata in via definitiva la Nota 97, in conformità e con le modalità previste nel testo e nei relativi allegati, disponibili sul sito istituzionale dell’Agenzia italiana del farmaco, nella sezione Note Aifa, al fine di consentire la prescrizione da parte degli specialisti e dei medici di medicina generale dei nuovi anticoagulanti orali ad azione diretta (Nao/Doac: dabigatran, apixaban, edoxaban, rivaroxaban) e degli antagonisti della vitamina K (AVK: warfarin e acenocumarolo), limitatamente alle confezioni autorizzate per il trattamento della Fanv». È quanto dispone la Determina 14 ottobre 2020 dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), pubblicata in Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 255 del 15 ottobre 2020.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Gli elementi considerati per l’adozione della Nota 97

Secondo quanto riportato nell’atto dell’Aifa, la decisione tiene conto «di quanto riportato nel suddetto parere in ordine ai vincoli regolatori di natura tecnico-scientifica, fissati sulla base del profilo beneficio-rischio delle anzidette specialità medicinali e delle migliori evidenze scientifiche attualmente disponibili, tali da consentire la prescrizione, da parte degli specialisti e dei medici di medicina generale, dei nuovi anticoagulanti orali ad azione diretta» e «della conclusione dei procedimenti di rinegoziazione avviati d’ufficio dall’AIFA, aventi ad oggetto le specialità medicinali a base di rivaroxaban, edoxaban, apixaban, dabigatran, e del raggiungimento dei relativi accordi negoziali che prevedono nuove condizioni economiche di ammissione alla rimborsabilità»

Lo scorso giugno l’introduzione della Nota 97

Lo scorso giugno la stessa Aifa aveva introdotto «con validità temporanea di 120 giorni, urgenti disposizioni in corso di emergenza Covid-19, relative alla prescrizione da parte di medici specialisti e di medici di medicina generale, dei nuovi anticoagulanti orali ad azione diretta (Nao/Doac: apixaban, dabigatran, edoxaban, rivaroxaban) e degli antagonisti della vitamina K (Avk: warfarin e acenocumarolo) nei pazienti con Fanv».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.