Le farmacie italiane potranno dotarsi di un nuovo strumento per facilitare i pagamenti con moneta elettronica. Ciò grazie a FarmaPOS, nuovo servizio lanciato da Credifarma che consentirà di fruire di una serie di funzioni evolute da erogare ai clienti delle farmacie. A darne notizia è Banca Ifis, istituto di credito che nel giugno del 2015 ha creato un’unità «farmacie» all’interno della già esistente area Pharma. Secondo quanto rende noto il gruppo, si tratta della «prima offerta completa, con SmartPOS Nexi di ultima generazione, sviluppata ad hoc per le farmacie italiane da Credifarma in esclusiva con Nexi».

[Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica]

Più nel dettaglio, «con FarmaPOS – evidenzia Banca Ifis -, i pagamenti digitali saranno possibili in un’unica soluzione integrata, semplice e veloce. Tutti i farmacisti in possesso di SmartPOS Nexi potranno accettare pagamenti a distanza attraverso il servizio Pay By Link di Nexi. Questo consentirà di fare operazioni in modo semplice e sicuro anche quando il titolare della carta non è presente e senza alcun costo fisso o canone mensile aggiuntivo». Quanto al canone di utilizzo, «il Pos sarà a canone scontato e commissioni azzerate per tutti i pagamenti inferiori ai 10 euro sino al 31 dicembre 2020 ed avrà una linea di credito dedicata il cui utilizzo sarà totalmente libero indipendentemente dalle transazioni canalizzate».

Ad esprimere soddisfazione è Marco Alessandrini, amministratore delegato di Credifarma: «Grazie all’accordo in esclusiva con Nexi – evidenzia il dirigente -, Credifarma rafforza da oggi la propria gamma di soluzioni a disposizione dei farmacisti italiani per effettuare i pagamenti. Nell’ambito dei servizi digitali, vogliamo offrire ai nostri clienti funzionalità innovative in grado di soddisfare bisogni crescenti ed esigenze sempre più sofisticate, garantendo allo stesso tempo sicurezza e sostenendo l’evoluzione della sanità digitale. Stiamo assistendo a un veloce cambiamento che coinvolge non solo le modalità di pagamento ma tutta la proposizione dell’offerta del mondo della farmacia italiana».

© Riproduzione riservata