Alcuni giorni addietro, in una lettera inviata alle autorità, il Movimento nazionale liberi farmacisti (Mnlf) ha esortato il governo a proteggere i farmacisti operanti nelle zone rosse e gialle mediante opportuni dispositivi di protezione individuale. A distanza di alcuni giorni, la sigla di categoria torna nuovamente sulla questione evidenziando la necessità di «maggiore protezione per i farmacisti che lavorano in parafarmacia e farmacia». Ciò, evidenzia il Mnlf, «dopo i primi casi di contagio tra i farmacisti».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Più nel dettaglio, secondo il Mnlf «le misure sin qui adottate e quelle indicate da vari organismi sono insufficienti a tutelare i colleghi esposti al contatto diretto con il pubblico nelle zone a rischio. La distanza di un metro, l’uso di guanti e disinfettanti sono misure utili, ma non sono all’altezza della sfida che abbiamo davanti, ove a tutt’oggi non vi è piena evidenza scientifica per trarre conclusioni affidabili sull’epidemiologia, livello di contagiosità, né tanto meno sulla valutazione del rischio di diffusione e patogenesi da parte dell’agente virale».

Il Mnlf puntualizza che «il farmacista ha lo stesso rischio di essere contagiato degli altri operatori sanitari e per questo motivo chiediamo che sia incluso dalla Protezione civile e dall’autorità sanitaria tra coloro che debbono essere riforniti dei dispositivi Dpi2 e Dpi3». Giungendo alla conclusione che «è del tutto palese che se un farmacista viene contagiato, quella parafarmacia o farmacia non potrà più svolgere quel servizio perché tutti i collegi dovranno essere posti in quarantena».

Dunque, l’appello del Mnlf: «È per tale motivo che siamo a rinnovare la richiesta di includere questi operatori sanitari tra coloro che debbono essere protetti con urgenza. Se, per motivi comprensibili, questo non sarà possibile, le parafarmacie e le farmacie ubicate nelle zone rosse devono poter svolgere il servizio a battenti chiusi (modalità turno), a protezione dei lavoratori, ma anche del servizio farmaceutico stesso».

È utile osservare che Andrea Mandelli, presidente della Federazione degli ordini dei farmacisti italiani (Fofi), aveva sollecitato il governo ad adottare misure atte a proteggere i farmacisti dal rischio di esposizione di coronavirus. «La Federazione – si legge nella missiva della Fofi – si è nuovamente rivolta a ministero della Salute, al dipartimento della Protezione civile e a tutte le Regioni per ribadire la necessità di adottare subito misure di protezione anche per i farmacisti e di fornire specifiche indicazioni per l’operatività delle farmacie di comunità. Mi riferisco per esempio a misure che semplifichino le procedure di dispensazione dei medicinali e di gestione delle prescrizioni».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.