A confermare l’avvio è stata la stessa Agenzia delle Entrate, che ha ufficialmente aperto la Lotteria degli scontrini. Rimandata a più riprese, l’ultimo rinvio risale allo scorso gennaio, in cui diverse associazioni di categoria avevano chiesto una proroga per l’adeguamento. « Dal 1° febbraio – si legge in una nota dell’Agenzia – gli acquisti di beni e servizi di almeno un euro pagati esclusivamente con strumenti elettronici presso esercenti che trasmettono telematicamente i corrispettivi potranno generare i biglietti virtuali validi per l’estrazione. I premi sono assegnati sia agli acquirenti sia agli esercenti».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

La prima estrazione giovedì 11 marzo

La prima estrazione si terrà giovedì 11 marzo: «L’estrazione mensile – sottolinea l’Agenzia – da 100mila euro a 10 acquirenti e premi da 20mila a 10 esercenti a fronte degli scontrini trasmessi e registrati al Sistema lotteria dal 1° al 28 febbraio. Le estrazioni settimanali di 15 premi da 25mila per il cliente e 15 premi da 5mila euro per chi vende si aggiungeranno a giugno e quella annuale dal prossimo anno, che premierà uno degli acquisti effettuati dal 1° febbraio al 31 dicembre 2021 assegnando 5 milioni di euro a un acquirente e 1 milione di euro a un esercente».

Anche le farmacie al nastro di partenza

In merito alla partecipazione delle farmacie, lo scorso novembre l’Agenzia delle Entrate aveva già modificato il provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate n. 739122 del 31 ottobre 2019, con il testo: «I dati dei corrispettivi riferiti alle operazioni di cessioni di beni e prestazioni di servizi per le quali il cliente consumatore finale richiede all’esercente l’acquisizione del proprio codice fiscale non possono partecipare alla lotteria di cui all’articolo 1, commi da 540 a 544, della legge 11 dicembre 2016, n. 232. Al riguardo, i Registratori Telematici possono memorizzare esclusivamente in via alternativa il codice fiscale o il codice lotteria nella fase di registrazione dei dati dei corrispettivi della singola operazione commerciale realizzata».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.