Dopo esser stata insignita del premio “Industria Felix”, lo scorso agosto, concesso alle imprese competitive, affidabili e sostenibili, il distributore intermedio Guacci Spa, operante in Campania, Lazio, Puglia, Abruzzo e regioni limitrofe è stato inserito in “Fortune Italia 100 – Best regional companies” che tiene conto delle aziende che si sono contraddistinte per dimensione dei ricavi, variazione tra l’ultimo bilancio disponibile e il precedente, e legame con il territorio.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

La posizione di Guacci Spa in classifica Fortune Italia

Alla quinta posizione della classifica delle aziende operanti in Campania, Guacci Spa, la quale con i siti logistici dislocati in Campania, Lazio e Puglia, ha raggiunto ricavi pari a 401 milioni di euro, con un incremento percentuale del +2,58%. «La storia della Guacci Spa – si legge nel testo – affonda le sue radici nella fine del XIX secolo, quando il chimico Giovanni Guacci iniziava la produzione dell’omonima China all’Interno dei locali della Farmacia del Moro a Montesanto, nel centro storico di Napoli». Nelle fasi successive e «nel corso degli anni, la China Guacci si afferma come efficace rimedio contro la malaria, e la provata utilità del tonico ricostituente è testimoniata fra gli altri da prestigiosi riconoscimenti. Nel 1946 Giovanni Guacci decide di diversificare e ampliare le attività con la distribuzione farmaceutica intermedia: nasce cosi la Guacci Spa. Oggi il magazzino si estende su una superficie di oltre 18mila metri quadrati».

I parametri di valutazione di Fortune Italia

«Guardando a questi tre parametri – si legge su Fortune Italia -, e grazie alla base dati fornita da Bureau Van Dijk – a Moodys Analytics Company, la redazione di Fortune Italia ha selezionato 100 aziende – 5 per ogni regione – che si segnalano per il loro percorso di crescita. Sono le nostre Best Regional Companies per il 2020». Quanto all’uso dell’attributo “regional”, Fortune specifica che «non sta a indicare una dimensione regionale – molte di loro hanno attività fortemente internazionalizzate – ma il ruolo che rivestono per le rispettive comunità locali». Per questo motivo «abbiamo scelto di non considerare le aziende a partecipazione pubblica, le consociate italiane delle multinazionali e le multiutility. Si tratta, ovviamente, di una fotografia pre-covid e la sorte di molte di queste aziende dipenderà dalla capacita di reagire alla crisi in corso. Ma è a questo tessuto produttivo, fatto soprattutto di medie aziende capaci di essere competitive in mercati sempre più globali, che si deve guardare per immaginare un percorso di ricostruzione dell’economia italiana».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.