Federfarma Piemonte sottoscrive appieno la strategia dell’assessore regionale alla Sanità piemontese Luigi Genesio Icardi, in merito alla necessità che «l’assistenza medico-sanitaria del paziente cronico sia gestita in via prioritaria sul territorio e non in ospedale». È quanto emerge a margine dell’incontro con il ministro della Salute, sul tema del Patto della Salute. Nello specifico, l’indirizzo è «di affidare prioritariamente al territorio la gestione del paziente cronico, sviluppando e potenziando l’attività degli operatori – tra cui medici e farmacisti – che quotidianamente operano sul campo».

[Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica]

In aggiunta a ciò, Federfarma Piemonte «accoglie con favore il riconoscimento dell’importanza della Farmacia dei servizi in questo ambito, e ribadisce che le farmacie sono pronte a collaborare per agevolare l’ottenimento del risultato». In proposito, prosegue, «le farmacie hanno già intrapreso un impegnativo percorso di formazione per svolgere al meglio i compiti ed i servizi che sono stati loro assegnati e che presto saranno posti a disposizione dei cittadini piemontesi».

Proprio il 19 febbraio scorso, sul tema della gestione del paziente cronico, Federfarma Lombardia aveva reso noto dell’accordo con Anci per la presa in carico delle fragilità, ciò con la finalità di «garantire alle comunità servizi sempre più efficienti, offrire ai cittadini, soprattutto dei comuni più piccoli, percorsi di cura integrati, favorendo la continuità ospedale-territorio».

© Riproduzione riservata