«Cari colleghi, Nell’augurarvi buona giornata, desidero fornirvi due informazioni: la prima è relativa al mio stato di salute, ottimo al momento; tale precisazione serve a smentire le voci che sono circolate all’indomani della presentazione della mozione di sfiducia da parte di 17 consiglieri appartenenti alla mi ex maggioranza in Federfarma Napoli. La seconda è relativa alle motivazioni che hanno condizionato la mozione di sfiducia nei miei confronti». Apre così la lettera che Michele Di Iorio, ex presidente di Federfarma Napoli, invia ai farmacisti di Napoli e provincia in seguito alla riorganizzazione degli incarichi del consiglio direttivo dell’associazione territoriale.

[Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica]

«La lista Insieme con Michele Di Iorio – si legge nella missiva – nel luglio del 2019 ha vinto le elezioni individuando obiettivi comuni da perseguire, ben presto, purtroppo, si sono determinate incrinature, in quanto io ho sempre ritenuto che le “guerre”, quando dichiarate vadano combattute e possibilmente vinte. La vittoria serve, però, nella mia cultura politico-sindacale, a realizzare una pace giusta e duratura senza cedere a rappresaglie nei confronti dei Colleghi sconfitti. Altro appunto che mi è stato mosso è determinato dalla pregiudiziale dei miei detrattori nei confronti di argomenti non discussi, non approvati e men che mai da me sottoscritti, ma semplicemente posti all’ordine del giorno per un approfondimento. Ho sempre considerato il Consiglio, infatti, unico luogo deputato alla condivisione e ratifica di qualsiasi decisone; quest’ultimo, convocato il 20 maggio u.s., si è invece trasformato in un’imboscata, tipica congiura di palazzo, che evidentemente ha motivazioni sottaciute, ben diverse da quelle esposte nella mozione di sfiducia, contribuendo a realizzare una realtà surreale».

«Chi mi conosce sa che non ho mai evitato i confronti né dialettici né istituzionali – prosegue Di Iorio -, guardando gli interlocutori in viso; mai però avrei pensato di soccombere per mano amica da parte di Colleghi buona parte dei quali ha condiviso con me 14 anni di attività sindacale. Dal fuoco amico, purtroppo, non ci si può difendere: tanto perché colpisce alle spalle, quanto perché inatteso».

Da qui, i ringraziamenti di Michele Di Iorio ai farmacisti partenopei: «Tanto dovevo e volevo chiarirVi. Ringrazio i Colleghi che mi hanno manifestato solidarietà ed affetto, Vi restituisco al Vostro lavoro che Vi invito a svolgere sempre come atto d’amore nei confronti della nostra Professione, non influenzati da una pagina triste della storia della farmacia napoletana. Una storia che grazie all’impegno di tutti Voi troverà riscatto, una storia che non finisce qui».

© Riproduzione riservata