Sabato 9 ottobre si terrà a Bari congresso nazionale dell’associazione nazionale coordinamento Farmacisti volontari per la Protezione civile che avrà al centro il tema “Il ruolo del Farmacista volontario nell’esperienza pandemica”. A farlo sapere è l’Ordine dei farmacisti Bari e Bat, il quale ha fatto sapere che il congresso si articola in due sessioni, mattutina e pomeridiana. «La cerimonia inaugurale – si legge in una nota -, in programma per le ore 10,30, sarà aperta dagli interventi della presidente nazionale dell’associazione, Enrica Bianchi e dal presidente regionale, Michele Antuofermo. I presidenti presenteranno le attività svolte e illustreranno il ruolo essenziale svolto dal farmacista volontario a supporto dei servizi sanitari assicurati alle popolazioni e ai territori colpiti da calamità ed emergenze».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Gli interventi previsti

In merito agli interventi, «sono previsti i saluti istituzionali del presidente dell’Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro, del presidente Fofi, Andrea Mandelli e del presidente dell’Ordine dei Farmacisti Bari e Bat, Luigi d’Ambrosio Lettieri. Tra i relatori, Marco Leonardi, del dipartimento della Protezione civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri, affronterà il tema dell’organizzazione dei soccorsi sanitari nelle emergenze, mentre il direttore centrale di Risposta nazionale della croce Rossa italiana, Massimo Lapietra illustrerà i temi relativi al servizio di pronto farmaco della Cri e la possibile collaborazione con i Farmacisti volontari».

Le attività svolte dall’associazione

Nella stessa giornata «si approfondiranno anche i temi legati agli aspetti organizzativi e logistici con cui sono state svolte le attività svolte dall’associazione durante l’emergenza pandemica e il ruolo che i farmacisti volontari, d’intesa con le autorità nazionali e territoriali, hanno assicurato ovunque fosse richiesto e, soprattutto, negli hub vaccinali ove la competenza professionale e la generosa premura per le comunità è stata particolarmente apprezzata. Un’apposita sezione dei lavori presenterà, infine, l’esperienza dei farmacisti vaccinatori maturata dalla Sezione Farmacisti Volontari di Catania e quella della Sezione di Cagliari con un report sull’accoglienza dei profughi afgani».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.