«In considerazione del notevolissimo caos nell’approvvigionamento dei dispositivi di protezione al fine del contenimento del contagio da coronavirus di cui ai Dpcm vigenti, in particolare riferimento a mascherine protettive, con la presente si desidera proporre di voler normare la distribuzione esclusiva, chiaramente solo per il periodo emergenziale, da parte delle farmacie territoriali del prodotto in questione». È quanto riportato in una lettera inviata dalla sigla “Farmacie rurali d’Italia”, firmata da Pasquale Sechi, Luigi Sauro, Alfredo Orlandi e Roberto Grubissa, all’indirizzo del presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al capo della Protezione civile Angelo Borrelli.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

«Le stesse (mascherine, ndr) – prosegue la missiva – potrebbero essere acquistate direttamente ed unicamente dalla Protezione civile, e distribuite ai nostri depositi farmaceutici che andrebbero immediatamente a rifornire tutte le farmacie operanti in ogni comune nazionale». Queste «verrebbero distribuite alla popolazione a nucleo familiare, o meglio ancora con ricetta medica, potendo in siffatto modo operare un monitoraggio preciso ed immediato del prodotto distribuito».

Nel testo i farmacisti suggeriscono le diverse modalità di distribuzione: «Il tutto potrebbe avvenire gratuitamente oppure a fronte di un ticket per mascherina uguale per tutti», mentre «il servizio di dispensazione e di monitoraggio operato dalle farmacie verrebbe effettuato a titolo completamente gratuito». Quanto alle tempistiche della distribuzione, i rappresentanti spiegano che «disponendo del prodotto il processo potrebbe essere operativo in due/tre giorni per coprire l’intero territorio». Misure che, secondo i firmatari porterebbero al «contenimento di accaparramento e soprattutto dell’offerta a prezzi spropositati e non a tutti accessibili, cosa che genera ogni giorno di più notevole dissenso da parte dei cittadini».

 «Le mascherine ormai sono introvabili – concludono i rappresentanti del gruppo, i farmacisti Pasquale Sechi, Luigi Sauro, Alfredo Orlandi e Roberto Grubissa -, noi le ordiniamo ma la merce non viene recapitata da settimane. Le persone hanno bisogno di sentirsi più sicure e noi abbiamo il compito di fornire loro i modi per proteggersi. In questo momento il dpi è un bene di prima necessità, serve una normativa chiara per la sua distribuzione».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.