FS News, rivista del gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, pubblica l’itinerario “Farmacie e ospedali storici d’Italia”. L’articolo, collocato nella sezione “Viaggiare”, contiene un elenco delle farmacie «che nei secoli hanno saputo offrire generosa assistenza durante tragiche epidemie». Tra i siti storici attinenti al mondo della farmacia, l’Officina Profumo-Farmaceutica di Santa Maria Novella, a Firenze. Secondo il giornale «il primo ambiente da visitare è la Grande Sala Vendita, un tempo cappella dedicata a San Niccolò di Bari, dono di riconoscenza da parte di Dardano Acciaioli ai domenicani che lo guarirono. Gli affreschi della volta, eseguiti da Paolino Sarti, rappresentano i quattro continenti e simboleggiano la fama dei suoi prodotti, tra cui l’acqua di rose utilizzata già nel 1381 come disinfettante in caso di peste».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Il Nobile Collegio Chimico Farmaceutico

Dando uno sguardo a Roma, è citata la chiesa di San Lorenzo degli Speziali in Miranda e il suo complesso, i quali ospitano Il Nobile Collegio Chimico Farmaceutico, «nome lungo e altisonante – si legge sulla rivista – per definire un’istituzione che ha il compito di promuovere studi sulla storia della farmacia e sulle scienze sociosanitarie. In un museo sono conservati tipici vasi in ceramica, mortai di bronzo e strumenti di laboratorio, ma esistono anche la Biblioteca e l’Archivio della storia della Corporazione romana, con preziosi testi dal 1430 a oggi».

Farmacia degli Incurabili

Andando verso Sud, a Napoli, viene citato il Museo di Arti sanitarie e Farmacia con la storica Farmacia degli Incurabili: «Questo resta un luogo di conoscenza – evidenzia FS News – , disposto su quattro piani e ricco di strumenti e oggetti, dove è ricostruito il laboratorio di Giuseppe Moscati, dottore e santo della nota scuola partenopea. La settecentesca spezieria è un mirabile esempio di barocco rococò, con un’esposizione di preparati alchemici, tra mobili artigianali in legno, alberelli, idrie e riggiole, le tipiche e colorate mattonelle locali. C’è, infine, anche un giardino, fatto rinascere recentemente dall’associazione Il Faro d’Ippocrate, dove si coltivavano erbe medicinali per le preparazioni galeniche. E dove svetta un imponente e longevo albero di canfora».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.