È stato approvato dal Comitato interministeriale per la programmazione economica (Cipe), per gli anni 2019 e 2020, il riparto tra le Regioni di 4 milioni di euro, «per il mancato introito subito dai servizi sanitari regionali a causa della sopravvenuta esenzione degli sconti obbligatori a carico delle farmacie che hanno un fatturato annuo in regime di Servizio sanitario nazionale al netto dell’IVA inferiore a 150mila euro». È quanto fa sapere il Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica, il quale rende noto che l’atto è stato approvato nella seduta del 29 settembre 2020.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Il via libera dalla Conferenza Stato-Regioni

Come riportato da FarmaciaVirtuale.it ai propri lettori, giovedì 24 settembre la Conferenza Stato-Regioni aveva sancito l’intesa sull’esenzione dalle percentuali di sconto delle farmacie con fatturato inferiore a 150mila euro. L’importo di 4 milioni di euro che rientra tra le spese previste per il Fondo sanitario nazionale 2020 è il frutto di un emendamento alla Legge di Bilancio 2019. Si tratta di una misura finalizzata ad agevolare le micro e piccole farmacie ubicate per lo più in zone ad alto indice di ruralità, comprese quelle operanti nelle aree interne fortemente disagiate e su cui gravano difficoltà economiche.

Il riparto del Fondo sanitario nazionale tra le regioni

La copertura per le farmacie a fatturato Ssn inferiore a 150mila euro aveva avuto un primo via libera con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale n. 230 del 16 settembre 2020 della Delibera 14 maggio 2020 del Comitato interministeriale per la programmazione economica (Cipe) recante «fondo sanitario nazionale 2020 – riparto tra le regioni delle risorse vincolate alla realizzazione degli obiettivi di carattere prioritario e di rilievo nazionale». Ciò visto l’art. 1 comma 34 della legge del 23 dicembre 1996, n. 662, il quale prevede che il Cipe, su proposta del ministro della Salute, di intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, vincoli quote del Fondo sanitario nazionale per la realizzazione di specifici obiettivi del Piano sanitario nazionale.

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.