Anche in Campania si scaldano i motori per la partenza della Farmacia dei servizi. Dopo la Regione Puglia, infatti, anche l’ente regionale campano recepisce l’accordo tra il Governo e le Regioni e le provincie autonome per il finanziamento della farmacia dei servizi. Ne dà notizia Federfarma Campania, la quale spiega che «la Regione, guidata dal presidente Vincenzo De Luca, ha recepito l’accordo sulle “Linee d’indirizzo per la sperimentazione dei nuovi servizi nella farmacia di comunità”». Nel dettaglio, il sindacato regionale sottolinea che «il governatore De Luca, in qualità di commissario ad acta per l’attuazione del piano di rientro dai disavanzi del Servizio sanitario regionale, ha firmato il decreto numero 92 con il quale dispone il recepimento dell’accordo». Come è noto, dopo l’avvenuto recepimento di quanto deliberato dalla Conferenza Stato­-Regioni, sarà erogata una prima tranche del 20% degli importi previsti e le successive quote dell’80%. Queste ultime ripartite in misura del 40% da versare al raggiungimento del 50% delle attività ed una ulteriore quota del 40% al termine di quanto stabilito nel cronoprogramma.

Dunque, la soddisfazione di Federfarma Campania per l’operato dell’ente campano e del suo apparato amministrativo: «Un plauso al governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca, che ha saputo immediatamente cogliere un’opportunità che porterà, ne siamo certi, a ridurre i costi sostenuti dal Servizio sanitario regionale della Campania, diminuire i ricoveri ospedalieri, semplificare la vita dei cittadini e di ottimizzare la spesa farmaceutica attraverso l’uso corretto dei farmaci e il monitoraggio dell’aderenza alla terapia. Con il varo delle Linee guida si apre la strada alla concreta attuazione della farmacia dei servizi. Un ringraziamento anche al dottore Enrico Coscioni, consigliere del presidente della Giunta regionale per i temi attinenti alla sanità, e al dottore Ugo Trama, dirigente del settore politica del farmaco della Regione”».

© Riproduzione riservata