farmaci-contraffatti-imgLa Food and Drug Administration con l’aiuto dell’Interpol e di agenzie regolatorie di 99 paesi nel mondo è intervenuta per fermare il traffico di farmaci contraffatti venduti attraverso la rete Internet.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

L’intervento dell’agenzia americana ha portato alla chiusura di 1670 siti illegali ‘mascherati’ da farmacie online canadesi e al sequestro di oltre 41 milioni di dollari di farmaci contraffatti.

L’organizzazione dietro i siti è nota con il nome di ‘EvaPharmacy’, ha basi in Russia e Medio Oriente e un giro d’affari di 30mila spedizioni e 2,7 milioni di dollari al mese le spedizioni, si riferisce, provenivano dall’India o da Singapore, e non dal Canada come veniva propagandato dai siti.

I consumatori devono stare attenti a non farsi incantare da siti che promettono privacy e prezzi bassi. I farmacisti ed i medici sono obbligati alla riservatezza ma le farmacie devono anche garantire gli acquisti ed i colloqui con i pazienti in modo riservato. Se un paziente acquista attraverso internet è perché teme che i suoi colloqui in particolare quelli specifici di supporto all’attività sessuale siano intercettati….ed allora …perché non una campagna “ privacy in farmacia…missione possibile?”

Avv. Paola Ferrari

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.