DiaDay, evento nazionale per il controllo dell’aderenza alla corretta assunzione della terapia, voluto da Federfarma con il patrocinio di Fofi, Fnomceo, Amd, Sid, Utifar, Fenagifar, Cittadinanzattiva e Aild, ha raggiunto oltre 5.000 farmacie aderenti. A fornire i dettagli è la stessa Federfarma. L’iniziativa, svolta da lunedì 11 novembre a sabato 16 novembre 2019, in occasione della Giornata mondiale del diabete prevista per il 14 novembre, è rivolta ai pazienti con diabete già acclarato. Essi saranno coinvolti dalle farmacie di fiducia che raccoglieranno informazioni utili alla compilazione di un questionario. Le risposte fornite in forma anonima saranno poi utilizzate per valutare il grado di aderenza alla terapia. Nella stessa occasione, il farmacista fornirà consigli utili alla corretta gestione dei medicinali e più in generale della terapia antidiabetica.

«Come negli anni passati – spiega Marco Cossolo, presidente di Federfarma -, al termine della campagna i dati saranno elaborati da un board scientifico e resi disponibili per le istituzioni sanitarie, che potranno così individuare gli interventi più opportuni per aumentare l’aderenza alla terapia, riducendo i costi per la collettività. Seguire diligentemente le cure prescritte dal medico – evidenzia Cossolo – permette al singolo una buona gestione del diabete e permette al Servizio Sanitario Nazionale di risparmiare». Dello stesso avviso è Vittorio Contarina, vicepresidente di Fedefarma e coordinatore nazionale della campagna. Il dirigente evidenza in proposito che con tale iniziativa «vogliamo fornire sostegno a tutti coloro che hanno già ricevuto la diagnosi. In un’ottica coerente con le edizioni 2017 e 2018, la farmacia si riconferma come un punto di riferimento importante per i cittadini malati e, tenendo fede ai nuovi obiettivi della terza edizione, il DiaDay farà emergere le potenzialità di supporto al paziente con l’obiettivo di tenere sotto controllo la patologia e ridurne complicanze invalidanti e costose».

© Riproduzione riservata