Il Decreto Covid del 1 aprile 2021, approvato il 31 marzo dal Consiglio dei Ministri, prevede importanti novità per gli operatori sanitari, compresi i farmacisti. La prima è l’obbligo vaccinale contro Sars-Cov-2. «Al fine di tutelare la salute pubblica – dispone il Decreto – e mantenere adeguate condizioni di sicurezza nell’erogazione delle prestazioni di cura e assistenza, gli esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario che svolgono la loro attività nelle strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali pubbliche e private, farmacie, parafarmacie e studi professionali, sono obbligati a sottoporsi a vaccinazione gratuita per la prevenzione da Sars-Cov-2. La vaccinazione costituisce requisito essenziale per l’idoneità all’esercizio della professione e per lo svolgimento delle prestazioni lavorative rese dai soggetti obbligati». Come riporta la Federazione per i servizi degli ordini dei farmacisti della Lombardia, l’obbligo resterà in vigore fino al completamento del piano vaccinale nazionale e comunque non oltre il 31 dicembre 2021.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Controlli e provvedimenti per chi non risulta in regola

Il Decreto illustra dettagliatamente il processo di organizzazione da seguire per effettuare i vaccini agli operatori sanitari ancora non vaccinati e un sistema di accertamenti per verificare quelli già eseguiti. «La verifica dell’avvenuta vaccinazione – spiega la Federazione – spetta alle Regioni e alle Province autonome, per il tramite dei servizi informativi vaccinali, confrontandoli con gli elenchi dei professionisti e degli operatori comunicati rispettivamente dagli Ordini e dai datori di lavoro». Qualora venga accertata la mancata somministrazione del vaccino e il rifiuto da parte dell’operatore di sottoporvisi è prevista la sospensione dall’esercizio della professione sanitaria e delle mansioni che implicano contatti interpersonali o comportano, in qualsiasi altra forma, il rischio di diffusione del contagio da Sars-Cov-2. «Nel periodo di sospensione – prosegue la Federazione per i servizi degli ordini dei farmacisti della Lombardia – non è dovuta la retribuzione o altro compenso o emolumento. Il datore di lavoro può comunque adibire, se possibile, il lavoratore a mansioni equivalenti o inferiori con il trattamento economico corrispondente. La sospensione ha efficacia fino all’assolvimento dell’obbligo vaccinale e comunque non oltre il 31 dicembre 2021».

Scudo penale per i vaccinatori

Un’altra novità di spicco per gli operatori sanitari, inclusi i farmacisti, è lo scudo penale introdotto dal Decreto Covid per tutti i professionisti che praticano le vaccinazioni contro il Sars-Cov-2. «Viene dunque esclusa – spiega la Federazione – la responsabilità per i reati di omicidio colposo e lesioni personali colpose, conseguenti alla somministrazione del vaccino, sempre che nel corso della vaccinazione siano state osservate le regole previste, a cominciare dalle indicazioni contenute nel provvedimento di autorizzazione all’immissione in commercio emesso dalle competenti autorità, le circolari e le raccomandazioni fornite al personale addetto dalle autorità sanitarie nazionali. La norma avrà efficacia retroattiva».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.