Lunedì 7 settembre 2020 è stato l’ultimo giorno per comunicare all’Agenzia delle Entrate eventuali spese di sanificazione e protezione sostenute per l’adeguamento della propria attività. Come è noto, infatti, per far fronte agli oneri derivanti dall’implementazione degli accorgimenti utili a mettere in sicurezza le attività professionali e commerciali, alla luce delle norme per il contenimento della diffusione di Covid-19, un provvedimento del direttore dell’Agenzia dello scorso luglio aveva fissato i criteri e le modalità di applicazione e di fruizione di un credito di imposta sanificazione.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Istituito il codice tributo “6917”

In merito a questa possibilità, la stessa Agenzia delle Entrate fa sapere che «dopo le disposizioni normative e i provvedimenti operativi, la risoluzione di oggi istituisce il codice tributo “6917”, denominato “Credito d’imposta sanificazione e acquisto dispositivi di protezione – articolo 125 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34”, che consente quindi di beneficiare in concreto dell’agevolazione». Nel dettaglio, «in sede di compilazione – precisa l’Agenzia – il codice tributo è esposto nella sezione “Erario”, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a credito compensati”, Nel caso in cui il contribuente debba procedere al riversamento dell’agevolazione, nella colonna “importi a debito versati”. Come “anno di riferimento” nel modello F24 deve essere sempre indicato il valore “2020”».

L’Agenzia: «Tax credit non valido per consulenza e progettazione»

Un’ulteriore circolare successiva ad quesito posto all’Agenzia ha evidenziato inoltre che «le spese sostenute per la consulenza in materia di prevenzione e salute sui luoghi di lavoro, per la progettazione degli ambienti di lavoro l’addestramento e la stesura di protocolli di sicurezza non rientrano tra quelli considerati ai fini della fruizione del credito d’imposta per la sanificazione». Ciò alla luce del comma 1 dell’articolo 125 del decreto, che comprende le spese «della sanificazione degli ambienti (e degli strumenti utilizzati), come descritta nel paragrafo 2.2.1 della circolare» e «dell’acquisto di dispositivi di protezione individuale (e di altri dispositivi atti a garantire la salute dei lavoratori e degli utenti), riportati nel paragrafo 2.2.2 dello stesso documento di prassi».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.