Il Movimento nazionale liberi farmacisti «chiede alla Commissione nazionale Ecm di estendere tale riconoscimento a tutti i sanitari, indipendentemente dal loro rapporto ed inquadramento diretto o indiretto con il Ssn». È in sintesi la posizione della sigla, la quale fa sapere che nonostante il “Decreto scuola” contenga un articolo che riconosce l’assolvimento completo degli obblighi formativi previsti per l’anno in corso, lo stesso atto si riferisce ai professionisti sanitari nell’ambito del rapporto diretto con il Ssn e non invece a quello riguardante il rapporto in convenzione. Ciò portando dunque all’esclusione di fatto dei farmacisti collaboratori operanti nelle farmacie pubbliche e private e, in aggiunta a ciò, ai professionisti presenti nelle parafarmacie.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

«Tutti i farmacisti – spiega il Mnlf in una nota -, sia quelli che operano nelle farmacie che nelle parafarmacie, hanno fornito il loro contributo prezioso e continuano a farlo, nella lotta alla pandemia, con un numero elevato di contagiati e di vittime. Ruolo riconosciuto dal fatto che come servizi essenziali sono stati sempre aperti in tutto il periodo del lockdown». Secondo quanto evidenzia la sigla, «l’ordine del giorno presentato dall’On. Andrea Mandelli, che pur impegnando il Governo a fare chiarezza, continua a produrre un generico riferimento a “tutti i professionisti sanitari e socio-sanitari che operano nell’ambito del Servizio sanitario nazionale”, lasciando così nell’incertezza interpretativa le parafarmacie e non risolvendo il problema dei dipendenti laureati di farmacia». Da qui, l’auspicio del Mnlf, affinché il riconoscimento sia esteso a tutti i farmacisti, nessuno escluso.

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.