credifarmaLa legge di stabilità 2016 ha introdotto delle interessanti novità, alcune reiterate, come le detrazioni fiscali legate agli interventi di ristrutturazione edilizia e riqualificazione energetica etc., altre sono delle novità come, per esempio, il recupero IVA nei fallimenti, dove non si sarà più costretti ad aspettare la chiusura della procedura in quanto la nota di credito si potrà emettere già dalla data di dichiarazione del fallimento ovvero del decreto di ammissione al concordato preventivo.
Il mondo della farmacia, all’interno della legge di stabilità, può trovare spunti interessanti a supporto dell’attività d’impresa – si pensi al cosiddetto superammortamento – ma non solo, come nel caso della “estromissione dell’immobile aziendale” forse finora passato in sordina ma che invece presenta delle interessanti peculiarità.
Viene infatti attribuito all’imprenditore individuale la possibilità di estromettere in tutto o in parte gli immobili strumentali pagando una imposta sostitutiva ai fini dell’IRPEF e dell’Irap.
“L’imprenditore – afferma Marco Alessandrini, Amministratore Delegato di Credifarma – deve scegliere per l’estromissione dei beni dal patrimonio dell’impresa entro il 31.5.2016 semprechè gli stessi appartengano all’imprenditore alla data del 31.10.2015, mentre l’estromissione produrrà gli effetti dall’1.1.2016.”
Il Bene quindi passa dalla proprietà dell’impresa a quella del farmacista con una aliquota decisamente più bassa rispetto a quella ordinaria , nella misura dell’8% – Irpef e Irap – sulla differenza tra il valore nominale dell’immobile e il costo fiscalmente riconosciuto.
“Si tratta di una operazione che – prosegue Marco Alessandrini – trova margini di convenienza quando il farmacista vuole vendere la sua azienda e vuole individuare nella locazione dell’immobile una ulteriore fonte di reddito che potrebbe , a titolo di esempio, andare ad integrare un contributo pensionistico non particolarmente gratificante.”
Con il proprio commercialista, ovvero consulente, si possono individuare ulteriori motivi per trarre vantaggio dall’estromissione come, per esempio, alla divisione del patrimonio del farmacista.

© Riproduzione riservata