Un secondo farmacista, oltre ad un numero non meglio precisato di altri operatori passati a miglior vita nei giorni scorsi, è rimasto vittima del coronavirus. Si tratta di Raffaele Corbellini, farmacista titolare di farmacia in Lodi. Secondo quanto riferito dalla stampa locale, il professionista sarebbe spirato dopo il ricovero successivo ad un’infezione da coronavirus. «A nome di tutte le farmacie – scrive Annarosa Racca, presidente di Federfarma Lombardia -, porgo le più sentite condoglianze alla famiglia di Raffaele Corbellini, stimato farmacista e collega. Siamo molto vicini alla famiglia in un momento così difficile e lo ricorderemo con profonda riconoscenza per tutto quello che ha donato alla comunità, per la sua professionalità e per il suo grande impegno».

[Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica]

Parole di vicinanza anche da Andrea Mandelli, presidente della Federazione degli ordini dei farmacisti italiani (Fofi): «È la seconda volta in pochi giorni che la nostra professione viene colpita da un lutto per il quale non ci sono parole che siano sufficienti a esprimere la vicinanza della Federazione, degli Ordini e di tutti i farmacisti, ai famigliari e a tutti coloro che rispettavano e amavano il collega Raffaele Corbellini, un riferimento insostituibile per la comunità lodigiana. Raffaele – conclude Mandelli – ha lavorato per la collettività fino a che ha potuto e non c’è modo migliore per rendergli l’onore che merita».

© Riproduzione riservata