«I sanitari contribuenti volontari che non abbiano ancora rinnovato la quota per l’anno 2019 hanno la possibilità di regolarizzare la loro posizione contributiva Onaosi entro il termine inderogabile del 30 settembre 2019». È quanto annuncia l’Opera nazionale assistenza orfani sanitari italiani (Onaosi), ente che eroga prestazioni in favore degli orfani e, in talune condizioni, dei figli dei sanitari contribuenti, tra cui medici chirurghi, odontoiatri, veterinari e farmacisti, nonché dei contribuenti stessi in condizioni di vulnerabilità e non autosufficienza. Secondo quanto ricorda l’Onaosi, a tal proposito, «l’iscrizione e la regolarità contributiva costituiscono condizioni indispensabili per l’accesso alle prestazioni e ai servizi». Ne consegue che «il mancato o irregolare pagamento del contributo, se non sanato nei termini previsti dal regolamento, comporta, in ogni caso, la perdita definitiva dello status di contribuente e del diritto ad ogni prestazione, nonché l’impossibilità di una nuova iscrizione».

Lo scorso febbraio l’ente aveva reso noto che, anche per il 2019, la Fondazione Onaosi aveva provveduto ad inviare agli iscritti volontari la modulistica già precompilata. In tale occasione, veniva ricordato inoltre che la data ultima di scadenza per regolarizzare la posizione è il 31 marzo 2019. La nota informava della disponibilità degli uffici amministrativi della Fondazione per eventuali chiarimenti. Nello specifico, dal lunedì al mercoledì (9.00-13.00; 15.00-17.00), il giovedì e venerdì (9.00-13.00), ai numeri 075 58.69.235 e 075 5002091 o all’indirizzo email contributi@onaosi.it.

© Riproduzione riservata