Partecipazione, condivisione dei dati e delle informazioni e concretezza in una visione di sistema: sono alcuni principi richiamati dai rappresentanti dei distributori intermedi che, con le sigle Adf e Federfarma Servizi, hanno partecipato al tavolo istituito presso il ministero della Salute, a cui hanno partecipato anche Roberto Schillaci, ministro della Salute, e Marcello Gemmato, sottosegretario alla Salute. Secondo i distributori del farmaco «le sigle sono certe che, grazie alla partecipazione di tutti gli operatori interessati, si potrà analizzare concretamente il fenomeno dei farmaci mancanti, valutandone oggettivamente le caratteristiche e le cause, senza inutili allarmismi mediatici».

[Se non vuoi perdere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Sistema di allerta preventiva

Per concorrere al raggiungimento degli obiettivi, Adf e Federfarma Servizi hanno proposto di «istituire un unico ed efficace sistema di allerta preventiva da azionare quando i distributori rilevino reiterate situazioni di mancate consegne da parte dei produttori». Inoltre è necessario «individuare un meccanismo che garantisca una equa ripartizione nella fornitura dei farmaci, così che i distributori intermedi, quali anello centrale della filiera, possano svolgere il loro servizio pubblico a supporto essenziale delle farmacie e a tutela della salute dei cittadini».

Apprezzamento per il coinvolgimento

In una differente occasione, Adf e Federfarma Servizi avevano sottolineato di aver apprezzato per esser stati «chiamati al dialogo e al confronto con le istituzioni insieme agli altri operatori e professionisti del settore – oramai da mesi anche le nostre associazioni denunciavano la mancata o insoddisfacente disponibilità di molti medicinali, auspicando un confronto con tutti gli attori del sistema –». Ciò assicurando partecipazione «nella maniera più proattiva e concreta, apportando il contributo fondamentale della distribuzione intermedia, anello centrale della catena che permette l’assistenza farmaceutica alla popolazione sempre e dovunque, anche nelle zone più disagiate del Paese in maniera efficace, efficiente e capillare e risponde, quindi, alla domanda di salute dei nostri concittadini nella piena adesione ai bisogni del Ssn, delle Regioni e dei partner di filiera (industria e farmacia)».

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.