«L’Italia detiene il triste primato nell’Unione europea in materia di decessi causati dalla resistenza dei batteri agli antibiotici. Più delle vittime causate dagli incidenti stradali. Una vera e propria emergenza che deve essere affrontata come tale». Ed è per questo che «non sono più sufficienti i “manifesti” d’intenti o le “giornate” della sensibilizzazione». A spiegarlo è Fabio Romiti, vice-presidente del Movimento Nazionale Liberi Farmacisti (MNLF), secondo il quale è necessario «bloccare le ipocrisie» ed agire «prima che il problema diventi ancora più grande e con ripercussioni economiche e sociali».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Il dirigente ricorda in questo senso che, entro il 2050, secondo le cifre diffuse dalle Nazioni unite, ogni anno saranno 10.000 i morti in Italia, 33.000 in Europa, 10 milioni nel mondo. Ma cosa fare, concretamente? «Per passare all’azione – prosegue Romiti – bisogna abbandonare le ipocrisie, buone per le tavole rotonde o i convegni, ma del tutto insufficienti ad affrontare il problema. Il farmaco, qualsiasi farmaco, oggi può essere tracciato lungo tutta la filiera, non bisogna fare indagini raffinate: basta leggere i dati che produttori, distributori intermedi e finali debbono conservare e mettere a disposizione».

Inoltre, secondo Romiti, occorre focalizzare l’attenzione sui medici: «Possono essere utili le campagne di sensibilizzazione nei confronti dei cittadini, ma sono i professionisti della salute che devono essere monitorati perché ben consapevoli dei rischi a cui sottopongono la collettività con l’uso sbagliato degli antibiotici». Utile sarebbe poi «l’adozione della ricetta digitale per tutte le prescrizioni ripetibili e non ripetibili, quelle fuori dal controllo del SSN. Un nuovo sistema di prescrizione a basso costo che, come avvenuto per la digitalizzazione della ricetta veterinaria, permetterebbe di seguire con ancor più precisione tutti i farmaci nel loro percorso finale, eliminando alla fonte il “fai da te” e la consegna di antibiotici senza la prescrizione del medico». Infine, Romiti è favorevole alla «diffusione di test diagnostici di prima istanza, come ad esempio quello per lo streptococco, presso studi medici, farmacie e parafarmacie, sarebbe utili al fine di evitare scelte errate».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.