legislazione farmaceutica minghettiÈ stata pubblicata la nona edizione del volume “Legislazione farmaceutica”, firmata da Paola Minghetti, docente ordinaria di Tecnologia, Socioeconomia e Normativa dei Medicinali presso l’università degli studi di Milano. Nell’opera, edita dalla Casa Editrice Ambrosiana, rispetto al contenuto dell’ottava edizione, sono stati introdotti nuovi aggiornamenti che coinvolgono diversi aspetti della normativa. In particolare, tra gli altri, la legge 11 gennaio 2018, n. 3 (Riordino delle professioni sanitarie con introduzione di nuove professioni sanitarie, nuovo regime sanzionatorio in caso di esercizio abusivo della professione e modifica delle funzioni disciplinari degli Ordini professionali), la legge 24 agosto 2017, n. 124 (Concorrenza) e i regolamenti europei sui dispositivi medici, sui prodotti dietetici e sul novel food. Sono stati inseriti poi anche i decreti ministeriali sulla farmacovigilanza, sui limiti alla prescrizione e sulle disposizioni in materia di preparazioni galeniche a scopo dimagrante, nonché sull’aggiornamento della Tariffa nazionale. «La professione ha conosciuto importanti cambiamenti in positivo – spiega nella presentazione del volume il presidente della Fofi Andrea Mandelli – che hanno modificato le condizioni in cui noi farmacisti ci troviamo a operare quotidianamente. Ci sono state l’introduzione dell’uso terapeutico della cannabis e la riforma della Tariffa nazionale, ferma da 25 anni, nonché altri provvedimenti che hanno avuto un minore impatto mediatico ma ugualmente significativi: per esempio, la depenalizzazione della detenzione di medicinali scaduti, guasti o imperfetti in farmacia con la previsione di una sanzione amministrativa pecuniaria per i casi in cui risulti che si possa concretamente escludere la destinazione al commercio degli stessi». Il libro, prosegue Mandelli, «rende ancora più evidente quanto stia emergendo anche nella normativa il ruolo sempre più importante dell’agire professionale, il valore che hanno le conoscenze e le competenze del farmacista nell’assicurare l’accesso al farmaco e come il suo ruolo stia diventando preponderante rispetto al bene che dispensa. Come nelle precedenti edizioni, Legislazione farmaceutica riconduce le novità al quadro generale, ricomponendo la conoscenza della materia per sua natura composita e caratterizzata da interventi successivi del legislatore e – va detto – non sempre di facile interpretazione. Possiamo ancora contare, dunque, su uno strumento di studio fondamentale, ma anche su una guida puntuale per l’attività quotidiana, un sussidio che oggi più che mai indispensabile a chi si sta preparando a entrare nella professione e a chi deve affrontare l’evoluzione dell’attività del farmacista».

© Riproduzione riservata