La statunitense Walgreens Boots Alliance (Wba) ha annunciato il 5 gennaio i risultati finanziari del primo trimestre dell’anno fiscale 2023, conclusosi il 30 novembre 2022. Secondo quanto riportato da Wba «la perdita per azione nel primo trimestre è stata di $4.31 comparata all’utile per azione di $4.13 del medesimo trimestre dell’anno precedente; che rifletteva un onere di $6.5 miliardi al lordo delle imposte riconosciuto in relazione alla risoluzione delle controversie sugli oppioidi e altre questioni legate al tema». Quanto all’utile per azione rettificato (Eps) «è diminuito del 30.8% a $1.16, in calo del 29.9% a valuta costante, contro una forte crescita del 53.1% del medesimo trimestre dell’anno precedente, che rifletteva l’alto aumento dei volumi dei vaccini Covid-19».

[Se non vuoi perdere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Andamento delle vendite e investimenti

Con riferimento alle vendite del primo trimestre, Wba ha fatto sapere che «sono diminuite dell’1.5% sull’anno a $33.4 miliardi, in aumento dell’1.1% a valuta costante; escludendo l’impatto negativo da AllianceRx Walgreens di 485 punti base e il contributo positivo da U.S. Healthcare M&A di 280 punti base, la crescita delle vendite è stata del 3.2% a valuta costante». Inoltre sono stati investiti «$3.5 miliardi in debito e capitale per sostenere l’acquisizione di Summit Health da parte di VillageMD per $8.9 miliardi, conclusa il 3 gennaio 2023, accelerando le vendite del segmento U.S. Healthcare e il percorso verso la redditività». Infine sono state vendute «19.2 milioni di azioni ordinarie di AmerisourceBergen a novembre e dicembre, con un incasso al netto delle imposte di $3 miliardi».

Previsioni di crescita a lungo termine e per l’anno fiscale 2023

Wba ha fornito un quadro anche sulle prospettive di crescita a lungo termine e per l’anno fiscale in corso. In particolare, «mantenimento della guidance dell’utile per azione rettificato per l’intero anno da $4.45 a $4.65, data la forte crescita del core business che è maggiore rispetto agli impatti del Covid-19 per l’anno fiscale 2022 e dei venti contrari di natura valutaria». Inoltre «gli obiettivi di U.S. Healthcare sono stati incrementati dato l’annuncio legato a Summit Health del 7 novembre 2022, compreso l’obiettivo di vendita per l’anno fiscale 2025 da $14.5 a $16.0 miliardi, in aumento rispetto ai precedenti $11.0 – $12.0 miliardi, e l’EBITDA rettificato positivo previsto per il segmento entro la fine dell’anno fiscale 2023». Infine «maggiore visibilità sull’algoritmo di crescita a lungo termine dell’azienda, che prevede una crescita dell’EPS rettificato bassi livelli nell’anno fiscale 2025 e oltre».

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.