Dalla prima dose inoculata, dall’aprile 2021, sono stati oltre 2 milioni i vaccini anti Covid-19 somministrati all’interno delle farmacie italiane. Ai primi posti, per numero di vaccinazioni eseguite, Lazio e Liguria, con oltre 300mila somministrazioni, seguite da Piemonte (230mila), Lombardia (220mila), e Campania e Puglia (200mila). A fornire i numeri di questo traguardo è Andrea Mandelli, presidente della Federazione degli ordini dei farmacisti italiani (Fofi), il quale ha reso noto che la cifra record è stata raggiunta nella giornata di mercoledì 9 febbraio 2022.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Mandelli: «Farmacisti hanno dato una risposta straordinaria»

Mandelli ha ricordato come «in questi mesi i farmacisti hanno dato una risposta straordinaria alla domanda crescente di prestazioni da parte dei cittadini, mettendo in campo tutte le competenze – aggiornate grazie all’importante momento formativo promosso dall’Istituto Superiore di Sanità e dalla Federazione -, e le risorse possibili, lavorando anche in orari di chiusura e nei giorni festivi, per eseguire, in totale sicurezza, migliaia di tamponi ogni giorno e dare un’accelerazione alla campagna vaccinale anti-Covid anche attraverso una puntuale informazione e consulenza scientifica rivolta soprattutto agli esitanti».

Capacità organizzativa, competenza e spirito di sacrificio

Tale risultato è stato reso possibile grazie alla «capacità organizzativa, la competenza e lo spirito di sacrificio, che da sempre contraddistinguono la nostra professione» dei farmacisti, i quali «hanno consentito di raggiungere questi risultati, senza mai penalizzare la primaria attività assistenziale di dispensazione dei farmaci e quella di counseling al paziente e di erogazione di tutti gli altri servizi che i professionisti erogano quotidianamente». Ciò, prosegue Mandelli, «senza trascurare l’impegno dei farmacisti nel processo di digitalizzazione del Ssn per semplificare il rapporto tra cittadini e sistema sanitario». Da qui, il ringraziamento di Mandelli a tutti farmacisti italiani: «Un ringraziamento va a tutti i farmacisti per il lavoro svolto e per il contributo che potranno ancora dare al Ssn per sconfiggere la pandemia, grazie alla loro presenza capillare sul territorio e al rapporto fiduciario con le comunità in cui operano».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.