Alcune delle farmacie che fanno capo all’Azienda gestione edifici comunali di Verona (Agec) stanno per avviare il servizio di vaccinazione anti Covid-19 per la popolazione. Al momento sono quattro i presidi già registrati sulla piattaforma regionale: Golosine, Grattacielo, Olimpia e Quinto. La farmacia Golosine, situata in via Po, sarà la prima a iniziare il 5 agosto 2021. Il servizio è previsto solo su prenotazione e per i cittadini tra i 18 e i 59 anni compiuti, senza patologie e/o allergie. Le quattro farmacie somministreranno il vaccino Moderna, attraverso forniture contingentate. «Per vaccinarsi – dichiara l’Agec in una nota – è obbligatorio prendere un appuntamento in farmacia: Moderna, il vaccino che verrà inoculato, infatti, viene consegnato con forniture contingentate, in confezioni sigillate da dieci dosi, ma se il tempo di resistenza in frigorifero è di trenta giorni per le confezioni intonse, il tempo di utilizzo una volta aperta la confezione è di poche ore. Quindi, una volta effettuata la prenotazione bisognerà rispettarla per evitare che vadano perdute dosi preziose di vaccino».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Prenotazione e anamnesi direttamente in farmacia

Il servizio di somministrazione del vaccino anti-Covid è gratuito. La prenotazione si effettua direttamente in farmacia, dove occorre consegnare l’apposita modulistica compilata, disponibile sul sito https://www.agec.it/IT/Agec-Farmacie/COVID-19/vaccinazioni-anti-COVID-19.html. All’atto della consegna dei moduli, verrà effettuata l’anamnesi con il farmacista. Solo in seguito ad anamnesi positiva si procederà alla vaccinazione nel giorno prestabilito, nel quale l’utente dovrà presentarsi all’accettazione con la tessera sanitaria 15 minuti prima dell’appuntamento. La procedura per eseguire il vaccino rispetta la prassi stabilita per tutti gli hub vaccinali. «Il soggetto vaccinato – spiega l’Agec – dovrà restare in osservazione per almeno 15 minuti nell’area monitoraggio, rispettando la distanza interpersonale di un metro e indossando correttamente la mascherina. Trascorso il periodo di osservazione, il farmacista confermerà la data dell’eventuale seconda dose. I dati saranno inseriti in tempo reale nel sistema informativo della Regione».

Condizioni per la somministrazione

Nel rispetto delle norme anti Covid, il vaccino sarà somministrato solo in assenza di febbre superiore a 37,5°. Per non sprecare dosi vaccinali, l’utente è obbligato a disdire il proprio appuntamento soltanto nei casi legati a sospetto di contagio, ovvero, come precisa l’Agec, «se positivo a Sars-Cov-2, in comparsa di sintomatologia potenzialmente riconducibile a Covid-19 (tosse, perdita dell’olfatto e/o del gusto, mal di gola, diarrea, dolori osteo-articolari di recente insorgenza) o di febbre superiore ai 37,5° e/o se entrato in contatto stretto (convivente, collega che condivide lo stesso ufficio) con persone affette da Covid-19 nei 14 giorni precedenti alla data della vaccinazione».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.