Iqvia, società specializzata nell’elaborazione e analisi dei dati nel settore healthcare, ha effettuato un’indagine per approfondire gli orientamenti di medici, farmacisti e cittadini in merito alla vaccinazione anti Covid-19. Secondo quanto emerso «il 50% della popolazione italiana non ha dubbi sul fatto di volersi vaccinare e un altro 25% dichiara che probabilmente si vaccinerà». Particolarmente favorevoli al vaccino si sono rivelati i giovani fra i 18 e i 24 anni, dei quali il 75% dichiara di volersi vaccinare sicuramente e il 13% probabilmente. Benché il 12% abbia manifestato delle perplessità, nessuno degli individui interpellati in questo range di età prevede di non vaccinarsi. «Per quanto riguarda il sentimento prevalente verso la vaccinazione – si legge in una nota di Iqvia – sono gli ultra sessantacinquenni a esprimere il maggiore sollievo ed entusiasmo, seguiti dai giovani (18-24 anni). Malgrado ci siano ancora alcune resistenze, dalla ricerca emerge la diffusa convinzione che la vaccinazione sia fondamentale per uscire dalla pandemia e l’unica soluzione per ritornare alla normalità».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Permangono ancora varie perplessità

La survey di Iqvia è stata volutamente realizzata in due momenti dell’anno distinti, a gennaio e a fine aprile 2021, per esaminare i cambiamenti dell’approccio al vaccino nel corso del tempo. Il panel ha incluso 800 medici (sia di medicina generale sia specialisti), 200 farmacisti e 400 cittadini. «Nonostante il diffuso ottimismo – commenta Iqvia – l’orientamento a vaccinarsi è frenato dai forti timori espressi dai cittadini verso i vaccini: elevata è infatti la quota dei cittadini che esprime sentimenti critici nei confronti della vaccinazione (62%), timore e preoccupazione (39%), incertezza (16%), rabbia e insofferenza (7%). Medici e farmacisti sembrano sottovalutare l’esitanza vaccinale dei loro pazienti». In merito poi all’ipotesi di ripetere il vaccino anti Covid-19 annualmente, l’indagine mostra un parere positivo solo nel 40% del panel. La survey ha sondato anche le opinioni riguardo alla proposta del passaporto vaccinale, che vede favorevoli medici e farmacisti, con una percentuale fra il 79% e il 91%, mentre solo un cittadino su due la considera un’iniziativa positiva.

L’esigenza di un’informazione più autorevole

Uno degli aspetti che emerge con chiarezza dall’indagine è l’esigenza comune di poter avere informazioni più specifiche su temi quali efficacia, sicurezza, indicazioni e controindicazioni. Queste, come espresso dal panel, dovrebbero essere veicolare da fonti autorevoli e garantite e non solo, come gli intervistati sottolineano, dai media televisivi e dal web. «I medici e i cittadini che hanno risposto all’indagine si aspettano un’informazione autorevole e garantita – commenta Sergio Liberatore, amministratore delegato di Iqvia Italia – che rassicuri le persone, guidi nelle scelte e favorisca un convincimento più sereno e positivo per la vaccinazione. Credo che sia fondamentale in questo momento attivare percorsi informativi e formativi dedicati agli operatori sanitari e ai cittadini per ridurre l’esitanza vaccinale e coinvolgere attivamente tutto il personale sanitario. In questo quadro le aziende produttrici dei vaccini e le istituzioni possono avere un ruolo chiave».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.