Martedì 1 giugno oltre 600 farmacie dislocate sul territorio laziale hanno dato il via alla campagna vaccinale. A farlo sapere è stata Federfarma Lazio, la quale ha reso noto che «sono già esaurite le prenotazioni per le prime due settimane. A disposizione di ogni farmacia 25 dosi a settimana fino al 27 giugno». Alla data-evento hanno partecipato diverse autorità, tra cui Nicola Zingaretti, presidente della Regione, Alessio D’Amato, assessore alla Sanità, oltre ai dirigenti di categoria. Estrema soddisfazione di Andrea Cicconetti, presidente di Federfarma Roma: «Quello fatto negli ultimi 20 giorni dall’organizzazione messa in piedi dalle farmacie di Roma e del Lazio e dalla struttura regionale – evidenzia Cicconetti – è stato uno sforzo enorme. In poco tempo sono state messe in rete tutte le farmacie attualmente autorizzate a somministrare i vaccini – e alle quali se ne aggiungeranno di giorno in giorno tantissime altre -, sono state distribuite le dosi e siamo andati a regime nei tempi prestabiliti. Si tratta di un punto importantissimo nella lotta alla pandemia perché i cittadini potranno tranquillamente recarsi nella farmacia sotto casa per ricevere la somministrazione del vaccino anticovid Johnson & Johnson».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Plauso di Federfarma Lazio e Utifar

Anche Eugenio Leopardi, presidente di Federfarma Lazio e Utifar, ha espresso favore per l’iniziativa: «Quella di oggi – puntualizza Leopardi – è una giornata epocale per le farmacie italiane e, soprattutto, per quelle del Lazio. Grazie all’amministrazione regionale siamo la prima grande Regione a partire con le vaccinazioni anti-Covid direttamente in farmacia. Grazie a questa novità, la campagna vaccinale avrà un grande impulso. Ne abbiamo avuto una testimonianza con l’avvio delle prenotazioni, andate esaurite nel giro di pochissimo tempo. I cittadini aspettano con ansia di poter effettuare la vaccinazione in farmacia per motivi di prossimità e di fiducia verso la figura del farmacista: un professionista che sta dimostrando sempre di più di essere vicino alla popolazione e ben inserito nel territorio».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.