«Si tratta di un primo passo concreto per l’attuazione della Farmacia dei servizi che auspica un esito positivo della sperimentazione medesima, affinché si proceda successivamente a stabilizzare la farmacia quale presidio sanitario di prossimità a favore dei cittadini per l’esecuzione delle vaccinazioni, in generale». Sono le parole di Venanzio Gizzi, presidente di Assofarm, alla luce dell’approvazione dell’emendamento a primo firmatario Marcello Gemmato (Fdi) che consentirà, nel 2021, di effettuare la vaccinazione in farmacia, secondo le modalità previste.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Gizzi: «Emendamento preconizza la farmacia del futuro»

«Sarà necessario – prosegue Gizzi – che le istituzioni sanitarie, previa trattativa con le organizzazioni sindacali delle farmacie, creino le condizioni per operare in merito, fornendo strumenti e risorse affinché la sperimentazione abbia l’esito positivo auspicato. Il condivisibile obiettivo dell’emendamento governativo elaborato grazie alla meritoria iniziativa dell’On. Gemmato – conclude Gizzi – preconizza la farmacia del futuro che Assofarm auspica venga realizzata, valorizzando il ruolo e le funzioni del farmacista, quale operatore sanitario per cui, fra l’altro, abbiamo richiesto al ministro della Salute che venga ricompreso all’interno delle categorie sanitarie a cui offrire i primi vaccini anti Covid-19».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.