La Regione Campania ha trasmesso ad Assofarm, Federfarma e Ordini dei farmacisti il disciplinare tecnico attuativo dell’accordo per la somministrazione del vaccino anti Sars-Cov-19 presso le farmacie che operano sul territorio. Oggetto del documento è la distribuzione e somministrazione dei vaccini che, come da Art. 1 dell’accordo regionale, non richiedono la disponibilità di congelatori per la conservazione nel medio-lungo periodo. Come si legge nel disciplinare «la scelta preferenziale ricadrà sul vaccino Janssen, in quanto non prevede richiamo e quindi si adatta alle esigenze della vaccinazione di massa richiesta alle farmacie. L’utilizzo di tale vaccino – prosegue l’ente regionale – è approvato a partire dai diciotto anni di età, sebbene attualmente l’Aifa raccomandi la somministrazione preferenziale a persone di età superiore ai sessant’anni, ovvero di coloro che, avendo un rischio elevato di malattia grave o letale, necessitano di essere protette in via prioritaria. Resta intesa la possibilità di distribuire e utilizzare in farmacia anche altre tipologie di vaccini, sulla base delle necessità e delle evoluzioni normative, organizzative e direttive della Regione».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Incarichi della farmacia

Per avviare l’attività vaccinale, ogni farmacia è tenuta a confermare al Servizio farmaceutico della Asl competente per territorio la propria volontà a partecipare alla campagna di somministrazione, comunicando il luogo dove intende somministrare i vaccini. Dovrà poi indicare il numero presuntivo di vaccinazioni giornaliere, previste sulla base della dimensione e della tipologia di locali dedicati a tal fine, del numero di persone impiegate nell’attività, degli orari d’accesso e volume dell’utenza stimata. L’attività dovrà essere gestita dalle Asl per tramite dei propri servizi Dpc che dovranno registrare tali informazioni e distribuire le confezioni di vaccino in numero coerente con la programmazione. «Le farmacie – precisa la Regione nel disciplinare – richiederanno le dosi di vaccino al servizio Dpc della Asl, attraverso appropriato canale di comunicazione definito e attivato per la gestione delle attività descritte. Successivamente, con cadenza clinica, la Asl verificherà le richieste di rimpinguamento a favore della farmacia, in funzione della sua reale operatività vaccinale e autorizzerà le consegne con cadenza settimanale o anche a intervalli inferiori, comunque sempre a seguito di richiesta da parte della farmacia».

Adempimenti burocratici e somministrazione

La farmacia selezionerà i nominativi dei cittadini già inseriti nella piattaforma regionale (o inseriti dalla stessa farmacia) per la presa in carico e organizzerà la seduta vaccinale. Dopo aver completato tutta la documentazione istruttoria amministrativa per la vaccinazione, procederà alla somministrazione, a seguito della quale è tenuta a rilasciare al cittadino l’attestazione di avvenuta vaccinazione. Nel caso di vaccino che preveda richiamo, la farmacia provvederà a rilasciare la documentazione relativa alla somministrazione della seconda dose. Infine, se l’utente ha attivato il Fse, la farmacia lo completerà con i dati connessi all’evento vaccinale. Come previsto nel disciplinare, «nel caso in cui, per motivi improvvisi, eccezionali e non prevedibili, la farmacia non abbia più la possibilità di utilizzare i flaconi in dotazione entro i loro termini di validità, la stessa avrà cura di comunicare tempestivamente le scorte non utilizzate al servizio Dpc, che provvederà a indicare alla farmacia la modalità di smistamento di tali eccedenze».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.