express scriptsLa Express Scripts Holding Company – azienda che agisce come benefit manager per le farmacie e che si occupa di negoziare i prezzi dei farmaci per 85 milioni di persone – ha reso nota alle farmacie degli Stati Uniti la volontà di espandere la propria offerta, includendo un network di «farmacie che risultano impegnate in modo predominante nelle attività di vendita per corrispondenza».

Ciò «al fine di evolvere assieme ai trend industriali e con l’obiettivo di andare incontro alle esigenze dei nostri membri e dei nostri sponsor – ha spiegato la società in una comunicazione inviata direttamente alle farmacie americane coinvolte – siamo lieti di annunciare la novità». Come riportato dal nostro giornale ai propri lettori, la stessa Express Scripts Holding Company nel mese di febbraio del 2018 ha annunciato un’iniziativa avviata assieme a Walgreens Boots Alliance al fine di incrementare gli sforzi sul fronte dei farmaci definiti negli Stati Uniti “speciali” (“specialty pharmaceuticals”).

Essi rappresentano nella nazione nordamericana una categoria della quale fanno parte i medicinali ad alto costo e/o particolarmente complessi. Ciò tenendo conto dei probabili cali attesi nei prezzi per tali tipi di medicinali, e dunque di un mercato che potrebbe crescere in modo importante in futuro. «I farmaci speciali sono i più costosi e complessi – aveva spiegato il presidente e amministratore delegato di Express Scritps, Tim Wentworth -. Grazie all’alleanza con Walgreens saremo in grado di far sì che l’uso di questi medicinali, inclusi i biosimilari, da parte dei pazienti possa diventare più facile e che i costi siano mantenuti a livelli abbordabili».

«Le scelte in termini di prescrizioni da parte dei medici stanno evolvendo e sono sempre più i medicinali speciali che vengono indicati ai pazienti. Il nostro gruppo lavora nell’ottica di continuare a garantire dei prezzi accessibili ai propri clienti. La partnership con Express Scripts consentirà in questo senso di migliorare i risultati delle terapie da parte di chi è in cura», aveva aggiunto Alex Gourlay, chief operating officer di Walgreens.

© Riproduzione riservata