unifarcoLe farmacie che a fine 2015 avranno acquistato pochi prodotti a marchio proprio – in altri termini per meno di 6.000 euro e che non trattano almeno tutte le 92 referenze indispensabili – avranno una riduzione dal 50 al 42% dello sconto base dei prodotti personalizzati e si vedranno limitare la distribuzione di materiale di supporto alla vendita e di campioncini.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Questa, in sintesi, la comunicazione che Unifarco ha inviato a tutte le farmacie clienti in questo mese di febbraio, nell’ottica di favorire la fidelizzazione dei farmacisti territoriali a questa azienda.

Perché, sostiene Unifarco, il modello distributivo utilizzato, unico e differenziante, richiede maggiori risorse e investimenti rispetto ai competitor e, quindi, può essere dedicato solo ai clienti che mostrano fiducia al marchio.

In media le farmacie italiane clienti di Unifarco acquistano prodotti a marchio farmacia per un controvalore di 18.000 euro, sviluppando un volume di fatturazione compreso tra il 2,5 e il 16% del fatturato annuo del punto vendita. Beneficiando di due vantaggi non trascurabili: maggiore redditività e assenza di lotta agli sconti.

Immaginiamo sia per tutti questi motivi che Unifarco vuole utilizzare come leva di retention del proprio parco clienti, la fidelizzazione stessa. Come a dire: se sei fedele ti premio garantendoti il massimo vantaggio derivante dall’acquisto dei miei prodotti. Una logica win-win che serva ad entrambi i giocatori di questa partita e non si traduca invece in una perdita di quote di mercato da una parte e in una riduzione delle referenze del punto vendita dall’altro.

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.