tumoriI farmacisti sono in grado di contribuire alla gestione dei sintomi che possono indicare l’insorgenza di una patologia tumorale? A rispondere alla domanda è uno studio pubblicato dalla rivista scientifica International Journal of Pharmacy Practice e curato da un gruppo di ricercatori dell’università di Aberdeen, in Scozia.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

L’analisi, intitolata “Do pharmacists contribute to patients’ management of symptoms suggestive of cancer: a qualitative study”, ha innanzitutto ricordato che «la scarsa attenzione data ai sintomi che possono identificare l’insorgenza di un cancro fanno sì che i pazienti aspettino troppo tempo prima di chiedere aiuto e ritardino quindi la diagnosi. Pochi studi nel Regno Unito hanno investigato quale possa essere in questo senso il contributo fornito dai farmacisti. Il nostro lavoro punta a identificare l’attuale coinvolgimento di tale categoria professionale e valutare il ruolo che potenzialmente possono ricoprire le farmacie territoriali».

Gli studiosi hanno dunque analizzato un gruppo di pazienti ai quali era stato diagnosticato un tumore ai polmoni, colon-rettale o gastro-esofageo nei precedenti 12 mesi. A loro sono state proposte interviste semi-strutturate, che sono state registrate, quindi trascritte e analizzate. In totale il numero di persone che hanno accettato di partecipare all’indagine è stato pari a 25: si è trattato di uomini nei due terzi dei casi e in maggioranza di persone affette da un tumore ai polmoni.

«Benché tutti i pazienti – spiegano i ricercatori – avessero riscontrato dei potenziali sintomi di una patologia oncologica prima della diagnosi, la maggior parte di loro ha riferito di aver sottostimato tali segnali e di averli attributi ad altre cause. Si era immaginato che si trattasse di conseguenze del cambiamento di uno stile di vita e sono stati assunti farmaci acquistati in negozi, supermercati e farmacie ma senza chiedere consiglio al farmacista». Di qui la conclusione alla quale è giunto lo studio: «Lo staff delle farmacie, qualora fosse stato coinvolto maggiormente, avrebbe potuto facilitare una diagnosi precoce delle patologie».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.