titolarità farmaciaUn cittadino extracomunitario, iscritto all’albo professionale dei farmacisti in Italia, può acquisire una farmacia e diventarne titolare? Al momento, la risposta a questo interrogativo è no. A chiarirlo è una circolare emanata il 3 luglio dal ministero della Salute, che prende in esame la normativa in materia. A partire dall’art. 4, comma 1, della legge 362/1997 recante “Norme di riordino del settore farmaceutico”, che stabilisce che “il conferimento delle sedi farmaceutiche vacanti o di nuova istituzione che risultino disponibili per l’esercizio da parte dei privati, avviene mediante concorso per titoli ed esami”. E tra i requisiti di ammissione – oltre all’età, al godimento dei diritti civili e politici e all’iscrizione all’Albo dei Farmacisti – c’è anche il possesso della cittadinanza di uno Stato membro dell’Unione europea. L’articolo 7 della stessa legge, che disciplina il tema della titolarità e gestione della farmacia anche in forma societaria, non fa riferimento al requisito della cittadinanza (già esplicitato in precedenza) ma per il requisito dell’idoneità rinvia all’art.12 della legge 475/1968. Quest’ultimo prevede che l’acquisizione inter vivos possa avvenire solo a favore di chi ha già conseguito l’idoneità o la titolarità in un precedente concorso.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

La normativa, prosegue la circolare del ministero, è quindi inequivocabile e non lascia spazio a interpretazioni estensive che consentano l’acquisto della farmacia a favore del cittadino extracomunitario. Fanno eccezione soltanto i profughi, per cui bisogna far riferimento agli articoli 19 e 20 della legge 763/1981 recante “Normativa organica per i profughi”. Tanto più perché, nel caso dei farmacisti, il legislatore non è mai intervenuto espressamente per sopperire a questo limite, com’è invece accaduto nel campo della pubblica amministrazione, quando è stato introdotto l’art. 7 della legge n. 97/2013 che ha aperto la strada al lavoro dipendente anche a cittadini di Paesi terzi, titolari di un permesso di soggiorno dell’Unione europea dello status di rifugiato. E in caso esistano specifici accordi di reciprocità tra lo Stato italiano e altri Stati? In questa circostanza, il Ministero suggerisce che l’onere della prova sia a carico del cittadino extracomunitario; saranno le autorità competenti, in seguito, a verificare nelle opportune sedi diplomatiche.

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.