Tirocinio professionale pre-laurea«I farmacisti che svolgono attività di tutor per i tirocini professionali sono tenuti a verificare che gli studenti, prima dell’inizio tirocinio, abbiano inviato per email i relativi documenti al competente Ordine territoriale ed ottenuto l’approvazione del tirocinio con l’invio delle credenziali di accesso al libretto on line». E’ questo in sintesi il contenuto di una nota della Federazione per i servizi degli Ordini dei farmacisti della Lombardia, a cui afferiscono gli Ordini di Brescia, Como, Lecco, Milano, Lodi, Monza Brianza, in merito alle istruzioni operative a carico degli studenti di farmacia che intendano avviare un’attività di tirocinio professionale presso le farmacie del territorio.

«Si ricorda – sottolinea l’Ordine – che l’autorizzazione ad ospitare tirocinanti viene rilasciata alla farmacia nella persona del Direttore, il cui cambio ne comporta la decadenza. Il nuovo direttore dovrà presentare la richiesta di accreditamento della farmacia con il modulo di adesione al regolamento pubblicato sul sito dell’Ordine. Con riferimento alla durata, l’Ordine precisa che «il tirocinio professionale deve essere svolto per almeno sei mesi e per almeno 900 ore (monte ore giornaliero massimo di 8 ore, escluse le fasce notturne; durata settimanale di massimo 6 giorni)». Infine, «le ore di tirocinio svolte al di fuori di tali termini potrebbero configurarsi come impiego inappropriato e non autorizzato in caso di controlli da parte dell’Ispettorato del lavoro».

© Riproduzione riservata