Il sindacato territoriale FarmacieUnite fa sentire la propria voce in risposta a una “rivolta dei medici” che vede i professionisti sanitari avversi alle diverse iniziative in atto, relative allo screening anticovid-19 nelle farmacie di Padova e provincia. Secondo quanto riferito dalla stampa locale, infatti, Domenico Crisarà, presidente dell’Ordine dei medici di Padova, avrebbe minacciato denuncia in seguito ad un presunto abuso professionale perpetrato dai farmacisti a danno dei pazienti, al momento della consegna dell’esito del tampone rapido. Ad intervenire sulla vicenda è FarmacieUnite, che ribadito la presa d’atto «anche con un po’ di amarezza, delle dichiarazioni a mezzo stampa del presidente dell’ordine dei medici che esprimono una posizione di forte contrasto che i Medici di famiglia stanno assumendo a fronte del protocollo regionale che consente alle farmacie di eseguire i tamponi rapidi Covid 19».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

La legge legittima i tamponi in farmacia

In una nota diffusa lunedì 11 gennaio 2020, FarmacieUnite ha sottolineato che «è la legge a legittimare i tamponi in farmacia: la ratio che sottende i recenti provvedimenti normativi in materia è quella di affrontare il momento straordinario con misure straordinarie e con l’aiuto di tutti». Per questo motivo, prosegue la sigla di categoria, «è assurdo, in questo contesto, così difficile e drammatico, accendere guerre di religione e contrapposizioni corporative». In merito alle iniziative in corso, FarmacieUnite ha evidenziato che «è chiaro che i farmacisti si impegnano, almeno al pari dei medici, in questa situazione spinti dal senso civico e di servizio in un momento di emergenza, perché è evidente a chiunque che di lucro non si possa parlare. Inoltre, non è vero che i tamponi in farmacia favoriscano la latitanza dei positivi: i risultati dei test vengono tracciati e monitorati nel portale regionale».

Farmacisti al fianco dei medici

Dunque, l’appello di FarmacieUnite: «Ci fermiamo qui con le argomentazioni di principio, perché ci pare inopportuno intavolare a mezzo stampa discussioni irrispettose nei confronti della moltitudine di cittadini preoccupati di essere contagiati e portatori di contagio. Ancora più irrispettose nei confronti di chi la malattia l’ha vissuta o la sta vivendo. I farmacisti sono al fianco dei Medici sempre e in ogni caso ma sempre e in ogni caso al fianco dei cittadini».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.