stampante ricette ssnPuò bastare una qualsiasi stampante ricette ssn?

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Questa è solo una delle domande più frequenti a cui il farmacista o il responsabile della tariffazione deve rispondere nell’ottica di una maggiore efficienza e di un migliore controllo dei costi.

Scegliere una stampante ricette ssn non è una questione semplice, né di poca importanza e quando capita di dover rispondere alla domanda ci troviamo sempre di fronte ad una serie di risposte che variano in base al contesto organizzativo ed al volume di ricette da stampare.

Sebbene molti farmacisti preferiscano utilizzare il vecchio, affidabile ed instancabile timbro datario, molte farmacie scelgono di stampare timbro, data e numero sulle ricette in un periodo successivo a quello della spedizione, sebbene sia consigliabile effettuare il tutto contestualmente all’applicazione delle fustelle.

Abbiamo girato la domanda all’Ing. Daniele Barbato, responsabile sviluppo di Svemu Software, che molto gentilmente, oltre a fornirci una dettagliata risposta, ha fornito delle linee guida essenziali per poter scegliere la giusta stampante per la tariffazione ricette.

Stampante ricette ssn farmacia, il consiglio dell’esperto

In base alla nostra esperienza consigliamo ai farmacisti una InkJet Canon Pixma 4500 (o successiva).

La scelta di una InkJet è dettata dal fatto che ha costi si acquisto e manutenzione molto bassi, un sistema di trascinamento carta abbastanza affidabile e preciso e una buona velocità.

Questa stampante ricette ssn è utilizzata in qualsiasi fascia di farmacie, come da farmacie da 6.000 ricette al mese che la utilizzano da 5/6 anni, in cui gli unici interventi di manutenzione sono stati relativi alle cartucce e al serbatoio dell’inchiostro di scarto.

Molte farmacie hanno optato per le Ricoh laser, che sono di una fascia superiore, la qualità di stampa è superiore rispetto all’InkJet ma hanno un costo maggiore d’acquisto e anche un costo per pagina superiore perché si ha un consumo fisso del drum e dell’unità fotoconduttore, indipendentemente dall’area stampata.

Laser VS Getto d’inchiostro

Le laser hanno un ottimo costo per pagina quando l’area da stampare copre una certa percentuale, anche se tali stampanti richiedono buone competenze tecniche e un centro di assistenza vicino che consenta di rigenerare le componenti usurate.

In definitiva, le laser, dalle analisi dei miei colleghi, hanno un costo superiore e una manutenzione superiore.

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.