stabilimento pfizer di cataniaI rappresentanti sindacali dei lavoratori dello stabilimento Pfizer di Catania hanno chiesto un incontro «urgentissimo» con la direzione della sede siciliana, nonché un confronto con le istituzioni locali. Numerose sigle – tra le quali Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil, insieme alla segreteria confederale della Cgil catanese – si sono infatti dette «preoccupate per le sorti dello stabilimento». Quest’ultimo, spiegano, «da anni sta subendo un processo di smantellamento graduale e costante, con un consistente indebolimento della forza lavoro e con lo smembramento dello stabilimento in tre tronconi di cui uno, quello che per anni è stato il centro di eccellenza del sito, il Centro di ricerca, ceduto tramite un’operazione spregiudicata ad un sedicente imprenditore dedito alla pura speculazione e senza alcun interesse per gli aspetti produttivi ed occupazionali».
I sindacati temono una «disimpegno» della multinazionale americana sul territorio della provincia siciliana e ricordano come dopo un’ispezione effettuata nello scorso mese di novembre dalla Food and Drug Administration americana, sia stata interrotta la produzione del Tazocin, farmaco di punta dello stabilimento di Catania: «Ad oggi – spiegano – non abbiamo certezze sulla data di ripresa».
I rappresentanti dei lavoratori lamentano inoltre quello che ritengono «un atteggiamento poco attento verso le relazioni sindacali» da parte della direzione dell’azienda, soprattutto «in un contesto di crisi e di desertificazione industriale come quello che stiamo vivendo attualmente». In particolare, accusano, il nuovo amministratore delegato ha avuto solamente «un unico breve incontro con le segreterie territoriali sindacali».
Tuttavia, riferisce il quotidiano Catania Today, il fronte sindacale risulta diviso, con l’Ugl che attraverso il suo segretario provinciale ha fatto sapere di ritenere «distorta» l’analisi sulla situazione dello stabilimento effettuata dagli altri sindacati. A suo avviso, infatti, «le responsabilità della crisi che sta attraversando Pfzer sono da attribuire esclusivamente alla gestione manageriale locale degli anni passati e non a quella attuale».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.