stabilimento chimico farmaceutico militareUn gruppo di deputati del Movimento 5 Stelle ha depositato un’interrogazione scritta ai ministeri della Difesa e della Salute. Al centro dall’atto, le attività dello Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze, ovvero «l’unica officina farmaceutica dello Stato attrezzata con infrastrutture, impianti di lavorazione, laboratori e magazzini per la produzione di farmaci e cannabis per uso terapeutico».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

I parlamentari ricordano poi che «dal 2014 è stato attivato un accordo tra il ministero della Difesa e quello della Salute per la produzione nazionale di sostanze e preparazioni di origine vegetale a base di cannabis, finalizzata alla terapia del dolore, nonché al trattamento di patologie gravi e altamente invalidanti. Tale cannabis «Made in Italy» è stata la prima a essere riconosciuta dall’Unione europea come sostanza attiva di grado farmaceutico, grazie anche alla sinergia con il Crea-Cin di Rovigo, un centro che, da anni, studia la pianta di cannabis e che fornisce le genetiche e le talee allo stabilimento di Firenze attraverso procedure di studio sulla selezione dei genotipi, dagli elevati standard di qualità e analisi del contenuto di cannabinoidi, tramite la cromatografia». I deputati affermano quindi che «secondo quanto appreso dagli stessi militari dello stabilimento di Firenze, le richieste per l’utilizzo di questa cannabis terapeutica negli anni sono aumentate, tanto che è necessario potenziare la produttività e arrivare a circa 300 chilogrammi l’anno rispetto agli attuali 150. Ma le serre dello stabilimento non sono più sufficienti». Pertanto, «sarebbe importante ampliare i finanziamenti e soprattutto incrementare le risorse umane, che al momento sono carenti anche a causa del mancato turn over».

L’interrogazione fa sapere infatti che per sopperire ai problemi di personale, è stato «attivato il canale della somministrazione di lavoro temporaneo, attraverso un’agenzia interinale; è ovvio che tale metodo di impiego, non garantendo prospettive certe sia in termini economici che di sicurezza, incentiva il suddetto personale a cercare altre opportunità più favorevoli». Al contrario, secondo i deputati del M5S occorrerebbe investire «non solo sulle potenzialità dello stabilimento, ma soprattutto sulla forza lavoro, cuore pulsante dell’intero centro di eccellenza», e non scegliere la via delle importazioni dall’estero. Per questo è stato chiesto ai due ministeri se intendano avviare iniziative di sostegno e valorizzazione dello stabilimento fiorentino.

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.